Questo sito fa parte di www.comune.pordenone.it

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Comune di Pordenone - Sito Web ufficiale
Contatti

Corso Vittorio Emanuele II, 64 33170 Pordenone

tel. 0434 392111

P.I. 00081570939

C.F. 80002150938

Posta Elettronica Certificata comune.pordenone@certgov.fvg.it

Biblioteca Civica
Home Calendario eventi Mostra «Aldo Colò e le edizioni del Tavolo Rosso»

Mostra «Aldo Colò e le edizioni del Tavolo Rosso»

Omaggio all’opera grafica dell’artista friulano Aldo Colò e alla sensibile mediazione del maestro-stampatore Corrado Albicocco. Nell'ambito di pordenonelegge.it
Immagine

Immagine  

Close
Immagine

Immagine

Aldo Colò

Aldo Colò  

Close
Aldo Colò

Aldo Colò

Aldo Colò

Aldo Colò  

Close
Aldo Colò

Aldo Colò

Quando: dal 18/09/2013 al 31/10/2013

Dove: Biblioteca civica - Piazza XX Settembre - Pordenone

Contatto: Biblioteca civica - 0434392980 - biblioteca@comune.pordenone.it

Aggiungi l'evento al calendario: iCal - Google Calendar

Inaugurazione - giovedì 19 settembre - ore 18.30

Presentazione della mostra a cura di Giancarlo Pauletto

Visitabile da mercoledì 18 settembre

Nell'ambito di pordenonelegge.it, festa del libro con gli autori

Omaggio all’opera grafica dell’artista friulano Aldo Colò (1928) e alla sensibile mediazione del maestro-stampatore Corrado Albicocco, il cui rigore tecnico e la cui perizia artigiana è presupposto indispensabile per la squisita resa estetica delle grafiche e dei libri d’artista delle edizioni il Tavolo Rosso che saranno presenti in mostra.

Le incisioni cui Aldo Colò si è dedicato nel corso della sua attività artistica non sono molte, ma sono – tutte – al suo massimo livello, il quale lo pone, a mio giudizio, tra i più importanti artisti e incisori italiani del secondo Novecento.

Ciò prescinde completamente da questioni di maggior o minor notorietà, pertiene soltanto a quella che appare essere la sostanza culturale della sua arte, che si impianta in una storia precisa, e che ha definite risoluzioni formali.

La storia culturale è quella, assolutamente nobile, dell’astrattismo friulano “dei giovani”, Ciussi, Celiberti Baldan Zavagno e altri notevoli e tra essi, certo in  primo piano, appunto Colò, che come i suoi più o meno coetanei attorno al sessanta passa dal figurativo all’astratto e, nell’astratto, quasi subito a quelle cadenze geometrizzanti di intonazione cubista, di cui la storia della sua pittura testimonia ad alto livello, e che in questa mostra di incisioni può essere particolarmente riletta nell’ Ovale grigio dell’82 e nel Grande ovale nero dell’83, fino ad arrivare al piccolo ma prezioso Ovale n.1 del ’90.

Si tratta, qui, di una geometria resa essenziale, di un cubismo ridotto a struttura elementare sia in termini di cromia come in termini di costruzione: cromie basse e molto raffinate, appena mosse da segni obliqui indispensabili tuttavia a togliere ogni senso di rigidità e freddezza, strutture che sembrano quasi il prodotto di un calcolo matematico e che per questa via irresistibilmente rimandano al Rinascimento, quello di Domenico Veneziano e di Piero della Francesca e del resto il cubismo storico, Picasso e Braque, non si era certo dimenticato dei maestri del Quattrocento.

Colò lavora qui – ma così sarà anche successivamente – a costruire metafore di realtà, gli spazi appena accennati, le tracce con cui li va occupando – vedi appunto gli Ovali con tracce dell’87 – mimano universi in cui si produce una molteplice armonia, in cui l’emergenza del fenomeno non smette di assestarsi in una totalità, in un ordine non sottinteso, ma dichiarato, non tanto possibile, quanto realizzato.

Con gli anni novanta invece questa sorta di totalità si spezza e il frammento comincia ad invadere lo spazio in tutte le direzioni, assumendo via via un sempre più evidente ed esibito carattere “esistenziale”.

Siamo sempre nell’ambito della metafora, naturalmente, ché metaforico è tutto l’impianto dell’arte di Colò: tuttavia ora, nei fondi spesso lavorati all’acquatinta, si impone un che d’atmosferico, in qualche caso di quasi naturalistico – cfr. ad esempio Composizione e Senza titolo del 2009 -: in modi sussurrati, entra in queste tavole un elemento drammatico, un’intenzione non pacifica, una dialettica forma-sfondo che indica chiaramente la volontà di assumere, dall’esperienza della vita, anche gli aspetti problematici.

Basta, per rendersi conto di quanto vado dicendo, confrontare il già citato Ovale grigio del 1982 con l’Ovale nero del 2009: tanto bloccato nella sua perfezione metafisica quello, quanto mosso, vibrato e per così dire indifeso quest’ultimo.

Così l’artista arriva a composizioni come Molecole in transizione e Grande grigio, sempre del 2009, in cui la nuova intenzione è dichiarata in termini che appaiono indubitabili, legati anche alla dimensione stessa delle tavole le quali, proprio per la loro ampiezza, inducono ad una sorta di lettura successoria degli elementi visivi, indicando per ciò stesso - non fossero sufficienti le osservazioni già esposte - come il centro dell’attenzione sia ora sulla temporalità, e quindi sulla transitorietà di tutto ciò che è nell’uomo e per l’uomo.

Con intensa, disarmata, controllatissima e coinvolgente elegia.

Giancarlo Pauletto

Durante l’esposizione saranno visibili altre tirature delle edizioni “Il Tavolo Rosso” della Stamperia d’Arte di Corrado Albicocco.

Ulteriori informazioni su questo evento…

Cerca
Notizie
Eventi