Questo sito fa parte di www.comune.pordenone.it

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Comune di Pordenone - Sito Web ufficiale
Contatti

Corso Vittorio Emanuele II, 64 33170 Pordenone

tel. 0434 392111

P.I. 00081570939

C.F. 80002150938

Posta Elettronica Certificata comune.pordenone@certgov.fvg.it

Galleria Harry Bertoia
Home Mostre ed eventi Mostra "Backstage"

Mostra "Backstage"

L’inedito archivio di Carlo Giovetti giornalista, fotografo per passione
Mostra "Backstage"  - Banner

 

Close

Foto: carlogiovetti.it  

Close

Foto: carlogiovetti.it

Foto: carlogiovetti.it  

Close

Foto: carlogiovetti.it

Foto: carlogiovetti.it  

Close

Foto: carlogiovetti.it

Evento a pagamento

Quando: dal 11/11/2017 al 28/01/2018

Orario:

Da giovedì a sabato ore 16-19
Domenica ore 10-12 e 16-19

Aperta il 26 dicembre 2017

Dove: Galleria Harry Bertoia - Corso Vittorio Emanuele II, 60 - Pordenone

Contatto: Comune di Pordenone - 0434-392960 / 0434-392918 - attivitaculturali@comune.pordenone.it

Segui questo evento su: Facebook

Aggiungi l'evento al calendario: iCal - Google Calendar

Link: http://carlogiovetti.it

Carlo Giovetti (1916-1999) è stato prima firma del giornalismo italiano di spettacolo negli anni Cinquanta e Sessanta. 

Il suo archivio fotografico, formato da migliaia di negativi in gran parte ancora inesplorati, viene per la prima volta reso pubblico in questa mostra che rivela la sua sensibilità e la sua familiarità, a volte persino intimità, coi più famosi volti del cinema e della musica di quegli anni. 

È il cronista attento e raffinato di quel periodo pionieristico in cui "l'italianità" si offre al panorama internazionale dell'industria musicale e cinematografica e, al tempo stesso, comincia ad accoglierne le influenze.

La sua scrittura, fonte del successo giornalistico, è fortemente evocativa di immagini, ma forse non sufficiente a fermare quel momento, il fermento che si respirava nel mondo dello spettacolo di cui era testimone e partecipe al tempo stesso.

Perciò è anche fotografo "per passione", perché la sua macchina fotografica, da un punto di vista diametralmente opposto a quella dei paparazzi, è compendio alla narrazione giornalistica, diventa strumento personale per la registrazione di immagini che ora, a distanza di anni, svelano la prospettiva su un panorama che, per chi lo ha osservato da fuori, assume l'incanto del sogno.

Percorsi assistiti

A cura di Associazione Amici della Cultura +39 349 7908128


Mostra a cura di Guido Cecere e Roberto Giovetti

Realizzata da Comune di Pordenone (assessorato alla cultura)

In collaborazione con Regione Friuli Venezia GiuliaIstituto Regionale per il Patrimonio Culturale

Con il sostegno di Confidi Pordenone, Itas Assicurazioni, Crédit Agricole Friuladria, GraphiStudio, Birra di Naon

Cerca
Eventi