Questo sito fa parte di www.comune.pordenone.it

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Comune di Pordenone - Sito Web ufficiale
Contatti

Corso Vittorio Emanuele II, 64 33170 Pordenone

tel. 0434 392111

P.I. 00081570939

C.F. 80002150938

Posta Elettronica Certificata comune.pordenone@certgov.fvg.it

Museo Civico d'Arte
Home Mostre ed eventi Mostra «Il salotto cinese del Cardinale Celso Costantini al Museo d'Arte: interventi di restauro»

Mostra «Il salotto cinese del Cardinale Celso Costantini al Museo d'Arte: interventi di restauro»

Per la prima volta visibili al pubblico alcuni arredi del lascito testamentario del Cardinale Costantini al Comune di Pordenone, insieme ad altre pregevoli opere e oggetti d’arte

 

Close

Locandina

Locandina  

Close
Locandina

Locandina

Quando: dal 10/06/2017 al 02/07/2017

Orario:

dal mercoledì alla domenica ore 15-19

Dove: Museo civico d'arte - Corso Vittorio Emanuele II, 51 - Pordenone

Contatto: Comune di Pordenone - 0434/392935 - museo.arte@comune.pordenone.it

Aggiungi l'evento al calendario: iCal - Google Calendar

L’esposizione presenta per la prima volta al pubblico alcuni arredi del salotto cinese lascito testamentario del Cardinale Celso Costantini al Comune di Pordenone per le collezioni di Palazzo Ricchieri, insieme ad altre pregevoli opere e oggetti d’arte, che erano già state oggetto della mostra “Il cardinale Celso Costantini e la Cina” del 2008.

Gli arredi, databili agli inizi del ‘900, sono giunti a Pordenone nel 1959 e si compongono di circa una ventina di pezzi tra sedie, sgabelli, tavolini, tavolo, consolle, in legno cinese, nella maggior parte dei casi con intarsi di marmo, tra i quali spicca, per maestosità delle forme, un ampio e profondo “divano” (day bed) con schienale riccamente elaborato da decorazioni e simbologie.

Tutti i mobili e i cuscini, riposti dal momento della consegna nei depositi del Museo e mai esposti, sono stati ripuliti, restaurati e rimontati per l’occasione dai restauratori Renato Portolan di Pordenone e Anna Passarella di Padova. Caratteristica di questi pezzi sono l’assemblaggio delle varie parti di cui si compongono solamente per mezzo di incastri senza l’uso di chiodi o incollaggi.