Questo sito fa parte di www.comune.pordenone.it

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Comune di Pordenone - Sito Web ufficiale
Contatti

Corso Vittorio Emanuele II, 64 33170 Pordenone

tel. 0434 392111

P.I. 00081570939

C.F. 80002150938

Posta Elettronica Certificata comune.pordenone@certgov.fvg.it

Museo Civico di Storia Naturale
Home Museo Civico di Storia Naturale Silvia Zenari

Museo Civico di Storia Naturale Silvia Zenari

Sede e contattiMuseo di Storia Naturale di Pordenone, via della Motta

Via della Motta, 16 [MAPPA]

Telefono 0434 392950 - Fax 0434 26396

Email museo.storianaturale@comune.pordenone.it
 

Orario di apertura

da mercoledì a domenica 15.00-19.00
chiuso il lunedì e il martedì

Gruppi organizzati e scolaresche possono accedere alle sale espositive al mattino, da martedì avenerdì, su prenotazione.
 

Biglietti

Ingresso al museo:

  • biglietto intero Euro 3,00
  • biglietto ridotto Euro 1,00
  • biglietto gratuito: giovani fino a 18 anni di età, gruppi scolastici e accompagnatori, persone con disabilità, giornalisti, guide turistiche e naturalistiche, possessori della FVG-Card.

Convenzioni e agevolazioni
 

    Il Museo Civico di Storia Naturale di Pordenone ha sede nel cinquecentesco Palazzo Amalteo situato nel centro storico della città. Conserva significative collezioni naturalistiche d’interesse locale e nazionale.

    Il Museo di Storia Naturale, nel cuore del centro cittadino, è uno spazio speciale, ricco di sorprese. Entrati, avrete subito il batticuore davanti al padrone di casa: una splendida ricostruzione di mammut lanoso, alto oltre tre metri, che vi darà il suo benvenuto dal giardino.

    Mineralogia: Calcite CelestinaProseguendo nella visita alle sale, sarete catturati dalla sorprendente bellezza della natura, nella multiformità delle sue espressioni, funzioni, forme e colori: sono davvero varie e rilevanti le collezioni esposte.  Innanzitutto il mondo animale: insetti, uccelli e mammiferi, si collocano lungo un percorso espositivo privo di barriere, studiato appositamente per favorire ”l’incontro ravvicinato”del visitatore con veri esemplari, permettendo la conoscenza diretta e visiva di specie spesso viste solo in televisione. E la meraviglia continua nel Theatrum naturae, autentico scrigno di stranezze, con creature misteriose, a volte mostruose, al limite tra verità e leggenda, oppure nell’autentico studio di un ornitologo dell’Ottocento. Tanti ancora gli elementi d’interesse e novità, vagando tra scheletri candidi, uccelli esotici e farfalle coloratissime, minerali dalle mille origini e consistenze, cristalli e gemme iridescenti.