Una delegazione estera in città per il "PUMS"

01/02/2016 - Il Piano urbano della mobilità sostenibile di Pordenone oggetto di studio una delegazione di amministratori provenienti da Portogallo, Slovenia, Polonia e Paesi Bassi. Visita alla città martedì 2 febbraio

Una delegazione costituita da amministratori delle città di di Agueda (Portogallo), Maribor (Slovenia), Pulawy (Polonia) e Heerhugowaard (Paesi Bassi), ha scelto Pordenone per una “visita di studio” in materia di mobilità urbana sostenibile.

Si tratta di un progetto europeo "Boosting Urban Mobility Plans" (BUMP) che promuove la mobilità sostenibile gestito Area Science Park di Trieste.

Per l’Italia sono stati considerati di particolare interesse i Piani di quattro città Pavia, Prato, Ravenna e appunto Pordenone.

«Essere considerati una città da prendere come modello di mobilità urbana sostenibile - commenta l’assessore alla viabilità Bruno Zille - ci rende ovviamente orgogliosi e dimostra che le scelte adottate dal Piano rappresentano uno schema guida a livello europeo. Uno strumento innovativo sensibile alla preservazione della conservazione dell’ambiente e della qualità della vita urbana. Ma la nostra soddisfazione è ulteriormente confermata dalla qualità dello strumento riconosciuta da questa delegazione straniera, che ritiene efficiente e razionale il PUMS che abbiamo predisposto».

Martedì 2 febbraio in municipio, nella sala Giunta, i tecnici comunali della mobilità presenteranno il PUMS nelle sue declinazioni e nella strutturazione del Piano stesso e poi nel pomeriggio è in programma una visita ad alcune opere realizzate in città.

Gli ospiti saranno accompagnati dai nostri tecnici nei punti nevralgici della viabilità cittadina, in particolare sulle nuove rotatorie dove sono stati realizzati interventi di moderazione del traffico senza compromettere la scorrevolezza.

L'approfondimento della materia sarà completato con l’illustrazione degli interventi relativi al "Biciplan" e della messa in sicurezza di pedoni e ciclisti.

La visita si concluderà con il sopralluogo al nuovo parcheggio di interscambio della Fiera e la previsione del tracciato del nuovo collegamento ciclopedonale previsto per consentire il collegamento con centro città.

Guarda il servizio del 2 febbraio 2016