Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Comune di Pordenone - Sito Web ufficiale
Contatti

Corso Vittorio Emanuele II, 64 33170 Pordenone

tel. 0434 392111

P.I. 00081570939

C.F. 80002150938

Posta Elettronica Certificata comune.pordenone@certgov.fvg.it

Home Pordenone più facile

Tutti i post di novembre 2014

Sui giornali del 28 novembre

28 novembre 2014 – Rassegna stampa

Messaggero Veneto, ed. Pordenone, pag. 19

 

Il Gazzettino, ed. Pordenone, pag. IV

 

Annotazioni:

  • La seduta della commissione urbanistica è stata sospesa e aggiornata al 10 settembre su richiesta degli stessi consiglieri per poter completare l'esame del materiale, non per esigenze di viaggio dei progettisti (che sarebbero comunque rimasti a disposizione per ulteriori impegni connessi alla redazione del Piano regolatore).
  • Vedi il materiale relativo agli scenari alternativi
  • Consulta il Rapporto ambientale preliminare

Il Rapporto ambientale preliminare

27 novembre 2014 – Cosa trarne

È disponibile il Rapporto ambientale preliminare redatto da Germana Bodi e Chiara Ghirardo, gli ingegneri incaricati dal Comune di Pordenone per il servizio di Valutazione ambientale strategica sul nuovo Piano regolatore generale di Pordenone. La Valutazione ambientale strategica è la procedura obbligatoria per i piani e i programmi che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale: ha lo scopo di valutare in modo neutrale gli effetti ambientali di politiche, piani e programmi prima che siano approvati, in modo da evitare la possibilità che impatti negativi sull'ambiente e sulla salute dei cittadini possano essere sottomessi a considerazioni di ordine economico o sociale.

Il Rapporto ambientale preliminare è il primo passo della procedura di Valutazione ambientale strategica e tiene conto del Documento di sintesi del nuovo Prgc, delle Direttive, degli obiettivi generali di Piano e degli scenari per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio. Questo documento servirà ora all'amministrazione comunale per entrare in consultazione con gli enti competenti in materia ambientale, nel rispetto della normativa, in modo da definire la portata e il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel successivo Rapporto ambientale.

Gli enti competenti in materia ambientale individuati dalla Giunta comunale sono la Direzione ambiente ed energia della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, l'Arpa, l'Azienda per i Servizi Sanitari 6 del Friuli Occidentale, la Provincia di Pordenone, il Consorzio di bonifica Cellina e Meduna, la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia, la Soprintendenza ai beni archeologici del Friuli Venezia Giulia e l'Autorità di bacino dei fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione. L'amministrazione comunale ha voluto inoltre coinvolgere anche le municipalità del territorio sovracomunale così come definito nel documento di direttive (Porcia, Fontanafredda, Roveredo, San Quirino, Cordenons, Zoppola e Fiume Veneto), nonché i restanti comuni di prima fascia (Azzano X, Pasiano di Pordenone, Prata di Pordenone e Brugnera).

Diversamente dalla consuetudine rispetto agli atti preliminari e di consultazione specialistica di questo genere, l'amministrazione comunale ha deciso di rendere fin d'ora il Rapporto ambientale preliminare di pubblico dominio, in modo che sia liberamente consultabile dai cittadini e dagli interessati.

 

Scarica il documento (Pdf, 6.3MB)

 

Il Rapporto ambientale preliminare sarà tra i documenti a disposizione dei cittadini nel corso dell'incontro aperto in programma giovedì 11 dicembre alle 17.30 presso il Municipio di Pordenone, in corso Vittorio Emanuele II 64. Chi desiderasse porre domande o richiedere chiarimenti può utilizzare anche l'indirizzo di posta elettronica pnfacile@comune.pordenone.it: la risposta, che in questa fase sarà necessariamente limitata alle questioni di interesse generale e a titolo informativo, sarà pubblicata su questo sito in modo da garantire massima circolazione alle informazioni e al dialogo civico.

I tre scenari per Pordenone

27 novembre 2014 – Cosa trarne

L'amministrazione comunale ha completato nei giorni scorsi l'analisi degli scenari alternativi elaborati dai progettisti del nuovo Piano regolatore generale per individuare le strategie operative più adeguate a fronteggiare le sfide urbanistiche dei prossimi anni. Il metodo degli scenari, mutuato dal procedimento di Valutazione ambientale strategica, è stato previsto fin dal bando di gara per la redazione tecnica del Piano e poi richiamato nelle direttive approvate nell'aprile scorso dal Consiglio comunale. Alla progettazione per scenari è stato dedicato un seminario di approfondimento organizzato nel luglio scorso a Palazzo Badini.

Gli scenari presentati dai progettisti e ora disponibili in pubblica consultazione non sono tre diverse ipotesi di Piano regolatore tra cui viene scelto il progetto finale, ma un'analisi comparata dei vantaggi e delle criticità di diverse politiche e azioni con lo scopo di identificare le strategie complessivamente più vantaggiose per la città. Sulla base di questi elaborati e delle valutazioni emerse in seguito alle consultazioni con le parti politiche e i principali portatori di interesse, viene infine scelta la combinazione di opzioni che, a discrezione dell'amministrazione, meglio garantirà la sicurezza del territorio e l'equilibrio tra sostenibilità ambientale e sostenibilità economica. Questa combinazione, che deve contemperare con ragionevolezza gli interessi di tutti gli attori del territorio, costituisce l'ossatura della componente strutturale del nuovo Piano regolatore generale.

 

 

 

Scenario 01: rigenerazione urbana

Scarica la tavola dello Scenario 01 (Pdf, 2.6MB)

Lo scenario 01 prevede esclusivamente interventi all’interno dell’area edificata, in particolare sulle aree dismesse e all’interno del tessuto consolidato a bassa efficienza energetica. La riqualificazione energetica diventa quindi il motore e la precondizione per la densificazione del tessuto urbano. I nuovi interventi, oltre all’attuazione delle trasformazioni di ricucitura del tessuto urbano o trasformazione delle aree dismesse, prevedono la possibilità di incrementare la potenzialità edificatoria rispetto agli indici previsti per le diverse zone dalla Variante 77, da realizzare in loco o trasferire su altre aree libere ricomprese all’interno del perimetro urbano.

 

Scenario 02: espansione controllata

Scarica la tavola dello Scenario 02 (Pdf, 2.7MB)

Lo scenario 02 individua le aree di trasformazione assoggettate a Piano Attuativo sia interne che esterne al perimetro della città consolidata. L’obiettivo di questo scenario è il rilancio del sistema urbano complessivo e la risoluzione di puntuali criticità locali. Lo scenario prevede una selezione delle aree non attuate della Variante 77; tra i criteri della selezione sono presenti il rapporto con il sistema dei vincoli (PAIL, idrogeologico) e la relazione tra infrastrutture ed ambiti (sistema della rete viaria, sottoservizi). Per rendere sostenibile gli interventi previsti lo scenario prevede un’attuazione per fasi temporali. Annualmente viene definita una quota volumetrica insediabile che viene assegnata in base al valore della proposta progettuale, secondo obiettivi e prestazioni minime richieste attraverso un meccanismo concorsuale.

 

Scenario 03: rigenerazione-espansione

Scarica la tavola dello Scenario 03 (Pdf, 2.6MB)

Lo scenario 03 gli interventi sono finalizzati alla riqualificazione del sistema urbano e ambientale complessivo, in particolare con l’obiettivo di diminuzione delle emissioni favorendo la rigenerazione del patrimonio edilizio verso un sistema con migliori prestazioni energetiche. Tali azioni comportano un miglioramento complessivo del bilancio ecosistemico e possono essere attuate anche su aree greenfield (terreno vergine). In particolare, per ogni azione di rigenerazione del patrimonio edilizio e del sistema urbano equivale un bonus volumetrico (volumetria compensativa) che non potrà essere edificato in loco ma trasferito all’interno delle aree di trasformazione esterne

 

Gli scenari e gli elaborati resi pubblici fino a questo momento nell'ambito della redazione del nuovo Piano regolatore generale saranno illustrati dai progettisti e dai tecnici dell'Ufficio di Piano del Comune di Pordenone nel corso di un incontro aperto ai cittadini in programma giovedì 11 dicembre alle 17.30 presso il Municipio di Pordenone, in corso Vittorio Emanuele II 64. Chi desiderasse porre domande o richiedere chiarimenti può utilizzare anche l'indirizzo di posta elettronica pnfacile@comune.pordenone.it: la risposta, che in questa fase sarà necessariamente limitata alle questioni di interesse generale e a titolo informativo, sarà pubblicata su questo sito in modo da garantire massima circolazione alle informazioni e al dialogo civico.

Parole chiave: scenari

Condividi su: Facebook, Twitter 0 commenti

Una passeggiata per lo sviluppo sostenibile

26 novembre 2014 – Idee per la città

Segnaliamo un'iniziativa organizzata per domenica prossima, 30 novembre, da Terraè in collaborazione con Aqua Nova, FIAB aruotalibera, LAC, Legambiente e WWF, in adesione alla Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2014. Si tratta di una passeggiata attraverso la città per approfondire il suo sviluppo urbanistico e le peculiarità storiche e naturalistiche.

Lungo il percorso, che impegnerà i partecipanti dalle 9 (con ritrovo nel parcheggio del centro commerciale Meduna) a metà pomeriggio, si alterneranno i contributi storici, culturali e naturalistici di Moreno Baccichet, Sara Florian, Stefano Tessadori, Pierluigi Tajariol e Attilio Pellarini.

Informazioni e dettagli logistici sono disponibili sul sito di Terraè.

Sui giornali del 9 novembre

10 novembre 2014 – Rassegna stampa


Messaggero Veneto, ed. Pordenone, pag. 25

Sui giornali del 1° novembre

3 novembre 2014 – Rassegna stampa


Messaggero Veneto, ed. Pordenone, pag. 21

Come un territorio e la sua comunità possono diventare smart. Un percorso di incontri, di ascolto e di condivisione per l'elaborazione partecipata del nuovo Piano Regolatore Generale Comunale

Cerca nel blog