Sezioni

Conoscere Pordenone

Scopri la città e il suo territorio

Musei in rete

Percorsi ciclopedonali tra cultura e natura / Cycle and walking routes amidst culture and nature

banner_web2.jpg

"Musei in rete" è una guida per far (ri)scoprire Pordenone ai visitatori e ai pordenonesi stessi.

E allora mettiti in cammino o in bicicletta.

Ti proponiamo tre percorsi, tutti in sicurezza su pista ciclopedonale. Puoi sceglierne uno alla volta o crearne uno tutto tuo unendo i tratti che preferisci di ciascuno.

Potrai godere di una città a misura d’uomo, con un centro storico grazioso e raccolto. Attraverserai parchi e zone verdi, passerai accanto a laghetti, roseti incantati, palazzi storici e moderni, un’antica villa romana, chiese e castelli. Capirai perché Pordenone è detta città d’acqua, ma anche «urbs picta», città dipinta. E potrai coglierne lo spirito vivace, il suo incredibile fermento artistico e culturale, degno delle grandi città europee.

Lungo il percorso troverai piccoli scrigni di cultura pronti ad aprirsi per te, e ogni luogo ha la sua storia da raccontarti.

Quali sono le tue passioni? L’arte, la scienza, il fumetto, la letteratura, l’archeologia, il cinema? Cerca sulla mappa e troverai il posto più adatto a te. Immancabili sono una visita al museo civico d’arte e al duomo che custodiscono le opere del nostro artista più grande, Giovanni Antonio de’ Sacchis detto «Il Pordenone», il pittore friulano più talentuoso del Rinascimento.

E se ti è piaciuta la tua passeggiata, a piedi o in bicicletta, condividi sui social i tuoi scatti usando l’hashtag #MyPordenone.

> SCARICA LA GUIDA (pdf)

> Scopri i musei

> Scopri i parchi

> Scopri i luoghi

Dove la trovo?
Puoi ritirare una copia della guida e la mappa nei Musei civici, all'Info point PromoturismoFVG e negli altri siti toccati dai percorsi.

English

"Pordenone in rete" is a a guide to discover Pordenone.

So pull your boots on or get on your bike. We offer three routes, all in safety on bike & pedestrian paths. You can choose to do one at a time or create one of your own by combining the things you like best from all three.

You’ll be able to enjoy a city on a human scale, with a pretty and compact historic centre. You will pass through parks and green areas, past lakes, enchanted rose gardens, modern and historic buildings, an ancient Roman villa, churches and castles.

You will understand why Pordenone is called the city of water, but also an “urbs picta”, a painted city. And you can catch its lively spirit, its incredible artistic and cultural vibrancy, worthy of comparison with the great European cities.

Along the way you will find small treasure-chests of culture ready to open up for you and every place with its own story to recount.

What are your passions? Art, science, comics or literature? Maybe archaeology or cinema? Search on the map and you’ll find the best spots for you. A visit to the civic art museum and the cathedral that houses the works of our greatest artist, Giovanni Antonio de’ Sacchis. known as “Il Pordenone”,
the most talented painter of the Renaissance from Friuli, is unmissable.

And if you’ve enjoyed your little journey, either on foot or by bicycle, share your photos on social media networks using the hashtag #MyPordenone.

Luoghi della città

Pordenone è bella! Scopri i suoi luoghi più significativi

Agosto 2018. Questa fotografia appartiene al Comune di Pordenone ed è distribuita con Licenza Creative Commons CC-BY.

Municipio

Descrizione e cenni storici sul palazzo comunale di Pordenone

Museo Diocesano

Descrizione e cenni storici sul Museo Diocesano di Arte Sacra di Pordenone

Palazzo Badini

Descrizione e cenni storici di Palazzo Badini a Pordenone

Chiesa del Cristo

Descrizione e cenni storici sulla chiesa di Santa Maria degli Angeli di Pordenone

Casa del mutilato

Descrizione e cenni storici sul monumento dedicato a mutilati e invalidi di guerra di Pordenone

Casa Gregoris Bassani

Descrizione e cenni storici sul palazzo spesso ricordato come "casa picta" di Pordenone

Castello

Descrizione e cenni storici sull'attuale Casa Circondariale di Pordenone

Colonna

Descrizione e cenni storici sul tabernacolo a cinque facce in borgo Colonna a Pordenone

Palazzo Gregoris

Descrizione e cenni storici sul palazzo Gregoris di Pordenone

Piazza Cavour

Descrizione e cenni storici sulla piazza centrale di Pordenone

Film «Pordenone, una città»

Un documento, una storia, uno sguardo. Una città. Il film documentario racconta la città del Noncello e le peculiarità di un territorio sospeso tra tradizione ed innovazione (2015)

Titolo: «Pordenone, una città»

Anno di produzione: 2015

Genere: Film documentario

Durata: 26 minuti (versione integrale) - 8 minuti (versione breve)

Società di produzione: Care Srl pordenone

Versioni disponibili (visibili su YouTube):

IT - Italiano | IT- Italiano (short) | UK - Inglese | UK- Inglese (short) | DE - Tedesco | DE - Tedesco (short)

Dati sul territorio

Posizione geografica, superficie, altimetria e altre informazioni sul territorio pordenonese

Posizione geografica:
(Piazza San Marco)
Latitudine Nord 45° 57' 50"
Longitudine Est 12° 39' 27"

Altimetria:
Piazza San Marco 24 mt s.l.m.
Villaggio del Fanciullo (max) 62 mt s.l.m.

Superficie complessiva in km²: 38,21 (cartografia ufficiale Istat - censimento 2011)

Densità di popolazione al 31.12.2013: 1.354,6 ab./km²

Risorse idriche
Laghi di proprietà pubblica 7 (San Valentino, San Carlo, San Giorgio, Burida, Galvani, Laghetti di Rorai grande)
Fiumi e torrenti 2

Strade
Lunghezza
Statali Km 10,230
Provinciali Km 6,00
Comunali Km 185,00
Vicinali Km 15,00
Autostrade Km 4,00

Informazioni statistiche dettagliate relative alla città di Pordenone sono disponibili in questa pagina.

Popolazione e dati statistici

PDF document Parco veicolare. Anno 2016

Parco veicolare e principali caratteristiche degli autoveicoli circolanti nel territorio comunale. Parco veicolare dei Comuni della Provincia. Anno 2016

Popolazione

Popolazione residente, stranieri, nati, morti, matrimoni

Dati su dichiarazioni dei redditi

Le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche residenti a Pordenone. Dati forniti dal Dipartimento delle Finanze per la pubblicazione

Pubblichiamo i dati aggregati delle dichiarazioni dei redditi dei cittadini di Pordenone per gli anni 2016 e 2017 (come richiesto dal DPCM 10 luglio 2012).

Tali dati sono il frutto di un'attività di aggregazione statistica effettuata, da parte del Dipartimento delle Finanze, sui redditi indicati dalle persone fisiche residenti a Pordenone.

Le informazioni statistiche riguardano i redditi e le principali variabili Irpef su base comunale, con riferimento al comune di residenza del soggetto. Presentano valori oscurati in corrispondenza di scarse numerosità al fine di evitare rischi di identificabilità, nel rispetto della normativa sulla tutela della privacy (decreto legislativo n. 196/2003).

I dati sono pubblicati in formato aperto.

Stemma della città

"Di rosso alla fascia d'argento, nella punta il mare, dal quale si innalza un portale di pietra naturale, merlato alla guelfa di tre pezzi, con battenti d'oro aperti, fiancheggiato in ognuno degli angoli superiori del campo da una corona d'oro".


Stemma di PordenoneCosì recita il Decreto del 19 febbraio 1942 con il quale viene riconosciuto alla città l'uso dello stemma, del sigillo e del gonfalone.

Lo stemma di Pordenone ha, però, origini ben più lontane nel tempo. Esso compare infatti già in alcuni sigilli di Casa d'Austria e precisamente in quello duecentesco di re Ottocaro II di Boemia, in quello trecentesco del duca Rodolfo IV ed in quello quattrocentesco di Federico II. In origine il portale in campo azzurro era posto, sembra, su tre monti verdi; solo in un secondo tempo lo scudo assunse il rosso con fascia d'argento, colori propri della Casa d'Austria, ed i monti si trasformarono in onde del mare, o, meglio, del Noncello.

La nascita ufficiale dello stemma così com'è ora si ha con il Diploma del 16 febbraio 1401, con il quale il duca Guglielmo autorizzava i pordenonesi a modificare il loro sigillo descrivendolo così: "...cum duabus portis aureis in scuto nostro Austriae, super unda maris...". In questo nuovo sigillo, ancora conservato, compaiono le due corone e, sui battenti e sull'arco della porta, le vocali AEIOU che, invenzione di Federico III, vengono interpretate in vari modi, come per esempio "Amor Electis Iniustis Ordinat Ultor", oppure "Austriae Est Imperare Orbi Universo", o ancora "Austria Erit In Orbe Ultima".

Con il passaggio di Pordenone al dominio della Serenissima, nel 1508, la città conserva gran parte delle sue tradizionali autonomie e continua ad usare lo stemma, che viene poi confermato dalla nuova amministrazione austriaca con Sovrana Risoluzione del 7 gennaio 1840 ed anche, come abbiamo visto all'inizio, dal Regno d'Italia nel '42. Pordenone si fregiava del titolo di città e vantava il possesso di uno stemma fin dal XIV secolo, come attestano vari diplomi dei dichi d'Austria, ma ha avuto bisogno del riconoscimento ufficiale del 1840 in quanto l'ordinamento del Lombardo-veneto concedeva il diritto di usare automaticamente gli antichi stemmi solo alle città "regie" che nelle Provincie venete erano nove, mentre le altre ventidue semplici "città", fra le quali Pordenone, potevano veder confermato tale privilegio solo presentando documenti ed appropriati titoli e tradizioni.

Lo stemma pordenonese è abbastanza eloquente e non avrebbe bisogno di essere spiegato. Ad ogni buon conto ricordiamo che la porta spalancata sulle onde sta a significare l'importanza della città come porto fluviale sul Noncello, porto che permetteva facili collegamenti e commerci via acqua con Venezia e l'Adriatico, mentre le due corone auree testimoniano della piena potestà giudiziaria di cui godeva.

Come in ogni altra città, i destini e lo sviluppo della Comunità sono stati per lunghi anni, nel bene e nel male, nelle mani della nobiltà, prima feudale e poi di estrazione borghese, con l'affermarsi di famiglie che emergevano per i loro meriti e le loro attività. A Pordenone al nucleo iniziale di famiglie nobili più antiche, come quelle dei Popaite, Silarini, Ricchieri, Mantica, Spelladi, Franceschinis, de Gregoris, Prata, Fontana, Rorario, Tura, Biscotti e Crescendoli, si aggiungevano numerose altre che, nel corso degli anni, fiorivano, decadevano o si estingievano: Albertis, Amalteo, Avanzo, d'Aviano, Asteo A Zocco, Badini, Barbaleni, Basalù, Baseia, Battistini, Benvenuti, Bernardis, Bianchi, De Bollis, Bombardieri, Bonifacio, Bosati, Brunetta, Camolli, Camozzo (detti anche Capretto o Edo), Carbo, Carli, Casetta, Cattaneo, Cristofori, Comini, Cortona, Criselda, Crispini, Dato, Domenichinis, Fenicio, Ferro, Fossati, Freschi, Frescolini, Galvani, Gerardi, de Lauttis, Lorenzini, Malossi, di Maniago, Marchetti, Marini, Marone, Medicis, Meduna, Michelin, Milesi, Mottense, Montereale-Mantica, Natalis, Nerlis, Novelli, Onofris, Patavino, Pera, Pinali, Pittoni, Policreti, Polinoro, Pomo, Porta, de Quechis, Ragogna-Torre, Ravenna, de Renaldis, Rossi, Rossitis, Sacchinese (detti anche Regillo), Savini, Sbrojavacca, Scotti, Serrario, Tengolo, Tiberone, Tinti, Todeschini, della Torre, Ungrispach, de Valle, Villalta, Volpini, Zaffoni, Zanchi, Zoppola... Oltre a tutte queste, infine, vanno ricordate anche altre famiglie di nobile lignaggio che, pur non avendo i titoli, per fare parte del Consiglio della Magnifica Comunità, risiedevano in città e partecipavano attivamente alla sua vita economica, culturale e sociale, come gli Altan, Amman, Aprilis, Concina, Correr, Dolfin, Dominin, Emiliani, Farlatti, Fiano, Floridi, Formentini, della Frattina, Gabrieli, Gozzi, Loredan, Madrisio, Ottoboni, Panciera, Porcia, di Prampero, Priuli, Querini e Varmo.


Tullio Perfetti (Direttore Archivio di Stato di Pordenone)

Storia di Pordenone

Sigillo della città

Il Sigillo della città viene conferito alle personalità pordenonesi e ospiti di Pordenone che si sono distinte nella loro attività, opera, professione

Steve Hackett

16 luglio 2019, sigillo della città a Steve Hackett

Il Sigillo della città è stato conferito allo storico chitarrista dei Genesis Steve Hackett prima di esibirsi in concerto per il Blues festival.

«E’ una relazione speciale quella che ho con Pordenone, il primo concerto che ho fatto da voi nel 2009 è stato per me una rinascita dopo un periodo difficile. In passato sono venuto qui anche con la mia anziana madre che si è innamorata di questo posto. L’Italia per me è una specie di casa spirituale, se tutto il mondo fosse come il vostro sarebbe un bel mondo».

>> Guarda la dedica originale

>> Leggi il comunicato stampa

Sigillo_Hackett.jpg

Edda Moser

06 maggio 2019, sigillo della città a Edda Moser

Il Sigillo della città è stato conferito a Edda Moser, «soprano dalla voce che ha varcato i confini dell'atmosfera, a riconoscimento di un talento coltivato con perseveranza e tenacia, e dalla generosità con cui ha saputo condividerlo con il pubblico e i numerosi allievi.»

>> Guarda la dedica originale

2019-05-06 Sigillo  Edda Moser 016.JPG

Gioconda Belli

14 marzo 2019, sigillo della città a Gioconda Belli

Il sigillo della città di Pordenone è stato conferito alla poetessa, scrittrice e giornalista nicaraguese Gioconda Belli, protagonista di Dedica 2019.

>> Guarda la dedica originale

>> Leggi il comunicato stampa

Sigillo_Belli.JPG

Franco Gabrielli

12 dicembre 2018, sigillo della città a Franco Gabrielli

Il Sigillo della città è stato conferito a Franco Gabrielli, capo della Polizia, per l’impulso dato alle relazioni tra la polizia locale, le forze dell’ordine e la prefettura ai fini di garantire la sicurezza e il decoro della città.

>> Guarda la dedica originale

Sigillo_Gabrielli.JPG

Konstantin Raikin

28 settembre 2018, sigillo della città a Konstantin Raikin

Il sigillo della città di Pordenone è stato conferito all'attore e regista russo Konstantin Raikin, ospite del festival internazionale teatrale dell’Arlecchino errante.

>> Guarda la dedica originale

>> Leggi il comunicato stampa

Sigillo_Raikin.jpg

Sami Modiano

17 maggio 2018, sigillo della città a Sami Modiano

Il sigillo della città è stato conferito a Sami Modiano, 88 anni, uno degli ultimi sopravvissuti di Auschwitz-Birkenau che nell’incontro con gli studenti ha raccontato la sua via nel campo di concentramento.

>> Guarda la dedica originale

Sigillo_Sami modiano Tropeano.jpg

Alfred Brendel

30 marzo 2018, sigillo della città ad Alfred Brendel

Il sigillo della città di Pordenone è stato conferito ad Alfred Brendel, uno dei più prestigiosi pianisti del ventesimo secolo.
Il pianista ha ricevuto anche il premio “Educare alla musica - Pia Baschiera Tallon” diventato “Premio Pordenone Musica” elevano ulteriormente la figura e l’opera del maestro.

>> Leggi il comunicato stampa

Sigillo_Brendel.JPG

Atiq Rahimi

6 marzo 2018, sigillo della città a Atiq Rahimi

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore afghano Atiq Rahimi, protagonista della 24° edizione della rassegna «Dedica».

Questo il messaggio che lo scrittore afghano ha lasciato sul Libro d'onore del Comune di Pordenone:

“E’ un grande onore trovarmi in questa città, porto di culture e amicizia. Ringrazio molto la municipalità, il festival e gli abitanti per l’accoglienza e generosità”.

Mentre in lingua dari (di matrice persiana) ha scritto le parole:

“Pordenone, amore e amicizia”

>> Guarda la dedica originale

>> Leggi il comunicato stampa

Sigillo_Rahimi.JPG

Salvatore Sciarrino

28 aprile 2017, sigillo della città a Salvatore Sciarrino

Il sigillo della città di Pordenone è stato conferito al compositore Salvatore Sciarrino, un grande protagonista del rinnovamento della musica contemporanea. Al Maestro è stata assegnata la terza edizione del premio nazionale “Città di Pordenone Pia Baschiera Tallon".

PN_Premio_Salvatore_Sciarrino_229_LdA.jpg

Björn Larsson

15 marzo 2017, sigillo della città a Björn Larsson

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore svedese Björn Larsson, protagonista della 23° edizione della rassegna «Dedica».

Questo il messaggio che lo scrittore ha lasciato sul Libro d'onore del Comune di Pordenone:

Avere compassione con gli afflitti è cosa umana (Boccaccio)
Vai da uno straniero come se andassi da un amico, vai da un amico come se andassi da uno straniero (Yvon Le Men)
con i miei ringraziamenti sinceri

» Guarda la dedica originale

Björn Larsson riceve il sigillo della città di Pordenone dall'assessore alla cultura Pietro Tropeano

Card. Pietro Parolin

27 agosto 2016, sigillo alla città a S. Em. Cardinale Pietro Parolin

Il sigillo della città di Pordenone è stato conferito al Cardinale Pietro Parolin, Segretario di stato Vaticano, ospite della città in occasione dell’anteprima della rassegna culturale "La libreria editrice vaticana a Pordenone".

«Considero questo sigillo, oltre che simbolo del legame con Pordenone, un riconoscimento diretto al Papa. Glielo consegnerò facendo il postino, ma non in maniera distaccata, sperando che, nonostante i tanti inviti che riceve, si possa ripetere a Pordenone l'esperienza della visita di Giovanni Paolo II».

Queste le parole del cardinale Pietro Parolin, ritirando il sigillo da Alessandro Ciriani. Il sindaco, rivolgendosi a Parolin lo aveva infatti pregato di intercedere per trasmettere l’invito al Santo Padre a venire a Pordenone, dopo la storica visita del 1993 di Giovanni Paolo II.

20160827cardinalPietroParolinweb.jpg

» Leggi la notizia

SOMSI

9 maggio 2016, Sigillo della Città alla Storica Società Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione, consegnato alla sua presidente sig.ra Rosa Saccotelli Pavan

Il sigillo della città è stato consegnato alla Storica Società Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione di Pordenone, in occasione dei 150 anni di attività del sodalizio, che oggi come allora vede nella solidarietà e nella sussidiarietà i proppri valori fondanti.

Una storia iniziata nel 1866 per rispondere alla necessità di un istituto che potesse dare assistenza e sussidi alle famiglie, un'istruzione ai giovani figli dei lavoratori dei cotonifici, rinsaldare la società profuga e in esilio durante il primo conflitto mondiale e poi reggere la difficoltà del dopoguerra.

2016-05-09-somsi-Rosa-Saccotelli-Pavan.jpg

» Comunicato stampa (pdf)

Gianni Minà

14 aprile 2016, sigillo della città a Gianni Minà

Il Sigillo della città è stato conferito a Gianni Minà, uno degli ospiti protagonisti della rassegna “Le voci dell’inchiesta”, per la sua straordinaria carriera giornalistica.

A chi mi ha insegnato che la moderazione e la dignità nel giornalismo sono doti non un freno
» Guarda la dedica originale

20160414GianniMina.jpg

» VIDEO - La registrazione della cerimonia

» Altre informazioni sull'evento

Yasmina Khadra

9 marzo 2016, sigillo della città a Yasmina Khadra

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore algerino Yasmina Khadra, protagonista della 22° edizione della rassegna «Dedica».

20160309YasminaKhadraWEB.jpg

» VIDEO. Il servizio TV

» Altre informazioni sull'evento

Policlinico San Giorgio

22 febbraio 2016, sigillo della città alla casa di cura Policlinico San Giorgio consegnato al presidente ing. Maurizio Sist

Il sigillo della città è stato consegnato al Policlinico San Giorgio, casa di cura che da 51 anni offre il proprio servizio al territorio pordenonese. Il presidente del CdA del Policlinico ing. Maurizio Sist, figlio del fondatore ing. Mario Sist, nel ricevere il riconoscimento, ha posto in evidenza l’idea innovativa del padre.

2016-02-22-policlinico-san-giorgio-sist.jpg

» Comunicato (pdf)

David Robinson

3 ottobre 2015, sigillo della città a David Robinson

Il Sigillo della Città è stato conferito a David Robinson, direttore delle Giornate del Cinema Muto dal 1997, in occasione della 34° edizione del festival.
» Guarda la dedica originale

20151003DavidRobinson.jpg
Foto di Valerio Greco

Luciano Padovese

17 aprile 2015, sigillo della città a mons. Luciano Padovese

Il Sigillo della città è stato conferito a monsignor Luciano padovese, cofondatore e direttore della Casa dello Studente di Pordenone, nel 50° anniversario della sua istituzione

Sono grato per l’onore che mi fa la città con il sigillo. È uno stimolo a riconoscere il molto che ho ricevuto e una spinta a dedicare le mie energie (assieme ai responsabili della Casa) perché Pordenone ritrovi il suo DNA di crescita e grandissima originalità.
» Guarda la dedica originale

20150417lucianopadoveseWEB.JPG

» VIDEO - La registrazione della cerimonia

» Info sull'evento

Luis Sepúlveda

11 marzo 2015, sigillo della città a Luis Sepùlveda

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore Luis Sepùlveda, protagonista della 21° edizione della rassegna «Dedica».

È molto difficile trovare le parole per dire grazie a Pordenone. E poiché la parola grazie mi sembra molto piccola, mi faccio aiutare dall’eco dei monti friulani affinché questa voce grata raggiunga tutti gli angoli della città. Grazie amici e amiche di Pordenone, grazie da cuore a cuore.
» Guarda la dedica originale

Luis Sepùlveda

» VIDEO. Il servizio TV

» Vedi altro

Sebastiano Favero

10 aprile 2014, sigillo della città a Sebastiano Favero, presidente dell'Associazione Nazionale Alpini

Il Sigillo della Città è stato conferito a Sebastiano Favero, presidente dell'Associazione Nazionale Alpini, in occasione della 87° Adunata Nazionale degli Alpini che si è tenuta a Pordenone dal 9 all11 maggio 2014

Alla città di Pordenone ai suoi amministratori, al suo sindaco alla sua gente un grazie con il cuore alpino ed un impegno ad essere sempre pronti a condividere con voi i momenti difficili e quelli belli.
Con affetto alpino un forte abbraccio.
» Guarda la dedica originale

2014-04-10-Sebastiano-Favero-WEB.jpg

Tahar Ben Jelloun

11 marzo 2014, sigillo della città a Tahar Ben Jelloun

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun, protagonista della 20° edizione della rassegna «Dedica». Sul Libro ha lasciato scritto:

Grazie per avermi fatto entrare nella vostra città. Pordenone è una città aperta, generosa e bella, mi ci sono sentito a Casa, in pace, rassicurato e innamorato della vita e anche dell'umantià che non sempre merita, ma Pordenone e Dedica mi hanno reso indulgente.

11 marzo 2014, conferito il sigillo della città a Tahar Ben Jelloun

Sergio Zavoli

11 aprile 2013, il Sigillo della città a Sergio Zavoli

Conferito il Sigillo della città a Sergio Zavoli, uno degli ospiti protagonisti della rassegna «Le voci dell’inchiesta».

A ciò che Pordenone mi ha subito comunicato: l’idea di entrare in una città, di vivere un civismo, di appartenere a una comunità che descrive un luogo, una volontà e una grazia assai consolante e promettente in un tempo pieno di grigiori e disincanti. Qui si sente, insomma, che la speranza ha un fondamento.

11 aprile 2013, conferito il Sigillo della città a Sergio Zavoli

» VIDEO - Il servizio TV

Javier Cercas

13 marzo 2013, il Sigillo della città a Javier Cercas

13 marzo 2013, il Sigillo della città allo scrittore spagnolo Javier Cercas, protagonista della 19° edizione della rassegna «Dedica». Il suo riconoscimento lasciato al Libro d’onore del Comune recita:

Per gli amici di Pordenone che me hanno fatto scoprire il vero senso della parola ospitalità, con tutta la mia gratitudine perché oggi sono diventato pordenonese. E con tanti miei auguri. Un grande abbraccio Collettivo

13 marzo 2013, il Sigillo della città allo scrittore spagnolo Javier  Cercas

Nane Zavagno

19 dicembre 2012, il Sigillo della città Nane Zavagno

Il sigillo della città è stato conferito a Nane Zavagno per l’intesa attività e per il valore riconosciuto della sua opera, celebrate anche dalla mostra antologia allestita a PArCo, Galleria d’arte moderna e contemporanea di Pordenone “A. Pizzinato” e nelle sedi della Galleria Sagittaria e di Palazzo Cossetti. La sua testimonianza sul libro d’onore del Comune recita:

Grato e onorato di questo riconoscimento, ringrazio la città che mi ha veramente dato tanto. Grazie

19 dicembre 2012, Sigillo della città conferito a Nane Zavagno

» VIDEO - Il servizio TV

Daniele Molmenti

26 novembre 2012, conferito il Sigillo della città a Daniele Molmenti

Il Sigillo della città è stato assegnato a Daniele Molmenti, vincitore della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra 2012 nella specialità della canoa K1, primo pordenonese a raggiungere un simile traguardo. Nel libro d’onore, Molmenti ha scritto:

Orgoglioso e fiero di portare tutti voi di Pordenone con me nel mondo. Ringrazio il sindaco e tutti i cittadini di una città che sento vicina nel cuore

26 novembre 2012, conferito il Sigillo della città a Daniele Molmenti

Italo Zannier

8 giugno 2012, Sigillo della città conferito a Italo Zannier

Il Sigillo della città è stato conferito a Italo Zannier per aver reso alla fotografia la dignità di arte nella storia. Sul libro d’onore ha lasciato la sua testimonianza:

Agli amici, al Sindaco, all’Assessore del Comune di Pordenone, grato per l’ospitalità della rassegna fotografica, allestita con eleganza, e alla magnifica insospettabile onorificenza, con il Sigillo della Città, che mi coinvolgerà particolarmente anche nel futuro, lieto di collaborare nei modi più consoni a questa splendida città sul Noncello

 8 giugno 2012, Sigillo della città conferito a Italo Zannier

Giorgio Napolitano

30 maggio 2012, Sigillo della città conferito a Giorgio Napolitano

Il Sigillo della città è stato conferito al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in occasione della sua visita ufficiale. Sul libro d’onore il Presidente ha scritto:

Saluto al città di Pordenone, civilissima e operosa, concludendo qui una visita in Friuli che mi ha condotto in luoghi di alto significato storico ed emotivo da cui sono venuti grandi esempi di valore nazionale

30 maggio 2012, Sigillo della città conferito al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

» VIDEO - Guarda il servizio TV

Shirin Ebadi

11 maggio 2012, sigillo della città a Shirin Ebadi

La città di Pordenone ha conferito il sigillo della città a Shirin Ebadi primo premio Nobel per la pace a una donna musulmana.

Sigillo della città a Shirin Ebadi

Wole Soyinka

12 marzo 2012, il Sigillo della città a Wole Soyinka

Il sigillo della città a Wole Soyinka, premio Nobel per la letteratura nel 1986, e protagonista della 18° edizione del festival«Dedica». Sul libro d’onore del Comune ha lasciato scritto:

Apprezzo molto questo simbolo delle chiavi di Pordenone, in cambio offro le chiavi del mio cuore, della mia città, Abeokuta, che sta sotto le rocce. Se verrete in Nigeria potrete fare il mio nome o andare alla stazione di polizia: vi accompagneranno a casa mia o ...simpaticamente nella prigione più vicina

12 marzo 2012, il Sigillo della città a Wole Soyinka

» VIDEO - Il servizio TV

Cees Nooteboom

14 marzo 2011, sigillo della città conferito a Cees Nooteboom

Il Sigillo della città allo scrittore Cees Nooteboom, protagonista della 17° edizione della rassegna «Dedica».

Cees Nooteboom

Hans Magnus Enzenberger

18 marzo 2010, sigillo della città a Hans Magnus Enzenberger

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore tedesco Hans Magnus Enzenberger, protagonista della 16° edizione della rassegna «Dedica».

Hans Magnus Enzenberger

» VIDEO - Il servizio TV

Pierino “Pietro” Di Giusto

5 febbraio 2010, sigillo della città conferito a Pierino Di Giusto

Sigillo della città conferito a Pierino “Pietro” Di Giusto, reduce El Alamain

Pierino “Pietro” Di Giusto

Claudio Magris

18 aprile 2009, sigillo della città a Claudio Magris

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore Claudio Magris.

Claudio Magris

Paul Auster

25 marzo 2009, sigillo della città a Paul Auster

Il Sigillo della città è stato conferito allo scrittore americano Paul Auster, protagonista della 15° edizione della rassegna «Dedica».

Paul Auster

» VIDEO - Il servizio TV

Nadine Gordimer

11 aprile 2008, sigillo della città a Nadine Gordimer

Il Sigillo della città è stato conferito alla scrittrice sudafricana premio Nobel per la letteratura Nadine Gordimer, protagonista della 14° edizione della rassegna «Dedica».

Nadine Gordimer

» VIDEO - Il servizio TV

Kofi Annan

10 aprile 2008 sigillo della città a Kofi Annan

Il Sigillo della città è stato conferito a Kofi Annan, Premio Nobel per la Pace e già Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Kofi Annan è a Pordenone per partecipare al festival "Dedica a Nadine Gordimer", la grande scrittrice sudafricana, Premio Nobel per la Letteratura.

Kofi Annan

» VIDEO - Il servizio TV

Vie della città

Filmati su Pordenone

Pordenone è bella, e si vede! Scoprila qui

Facciate del Corso

Facciate del Corso

Il "Progetto Facciate del Corso" avviato nel 1991 ha l’obiettivo della conservazione degli elementi storici, morfologici, architettonici ed ambientali delle facciate di Palazzi e case della città antica

pubblicato il 2010/07/27 08:45:00 GMT+2 ultima modifica 2019-11-26T11:01:15+02:00
Valuta sito

Valuta questo sito