Associazioni online

Rigenerazione urbana, nuovi modi di vivere, disegnare, abitare la città – Evento concluso

Corso di cultura economica

Programma

  • La città connessa. Transizioni fisiche, sociali e virtuali
    Giovedì 21 marzo 2024, ore 15.30-17.30
    In apertura, video intervento di Cristina Amirante, assessore regionale alle Infrastrutture e territorio.
    Il processo di rigenerazione urbana passa attraverso una serie di azioni e processi attuali che richiamano al concetto di connessione, “fare rete”. Tale concetto può essere sviluppato secondo tre punti di vista: connessione fisica, sociale e digitale.
    La connessione fisica è un ragionamento che mira, attraverso un approccio integrato, a comprendere il funzionamento della città e dei suoi sistemi profondi. La connessione sociale chiama in causa una pianificazione più inclusiva e consapevole, attraverso l’adozione di approcci cognitivi, di pratiche partecipative e di sistemi di governance evoluti dei processi. Infine, gli strumenti informatici emergenti rafforzano il concetto di connettività su un piano digitale, aprendo ad una visione virtuale della realtà.
    In questo incontro verrà approfondito il tema di come una progettazione urbana ispirata a queste dimensioni relazionali possa rispondere alle esigenze di una maggiore sostenibilità delle nostre città, capace di tenere insieme le dinamiche sociali, economiche ed ambientali del contesto urbano contemporaneo.
    Con:
    Elena Biason, ingegnere civile, in dialogo con Roberto Malvezzi, laureato in architettura a Ferrara, dove ha conseguito anche il dottorato in ingegneria, si trasferisce in seguito in Olanda, dove approfondisce i temi della progettazione sulla scala urbana. Ha maturato esperienze sinergiche sui temi dell'architettura, dell'urbanistica e dell'energia, che sono confluite nella scelta di dedicarsi principalmente ai processi di rigenerazione urbana e territoriale. Ora architetto e tecnologo del CNR, esperto di approcci cognitivi allo studio e alla progettazione della città, all’analisi delle relazioni tra comunità e contesto insediativo, e ai processi di trasformazione e innovazione urbana.
  • La città estesa. Dalla rigenerazione urbana a quella territoriale
    Giovedì 28 marzo 2024, ore 15.30-17.30
    Rigenerazione urbana è diventata un “termine ombrello” riferito a una pluralità di approcci per la trasformazione dell’ambiente costruito, degli spazi abitati e del territorio. Approcci che rispondono a sfide importanti per il nostro prossimo futuro: riduzione del consumo di suolo, adattamento agli effetti del cambiamento climatico, sostegno a forme di mobilità sostenibile, adeguamento dell’ambiente costruito alle forme dell’abitare, del lavorare e del “vivere insieme”. Durante l’incontro saranno mostrate esperienze di riferimento di città italiane che stanno sviluppando significative strategie urbanistiche e di pianificazione legate alla rigenerazione urbana. Una riflessione, infine, riguarderà la regione Friuli Venezia Giulia, che non si caratterizza solo per la presenza di centri urbani maggiori, ma per un territorio di grande valore con una varietà di centri medi e piccoli, dove mettere a fuoco strategie e interventi per una più ampia “rigenerazione territoriale”.
    Con:
    Elena Biason, ingegnere civile, in dialogo con Giulia Fini, ricercatrice senior e docente di tecnica e pianificazione urbanistica presso il dipartimento politecnico di ingegneria e architettura (DPIA) dell’Università degli Studi di Udine. Svolge attività di didattica nei corsi di laurea in architettura e di ingegneria civile e ambientale. La sua attività di ricerca attuale si concentra sui temi della rigenerazione urbana e territoriale, lo studio delle fragilità territoriali e la definizione di una strategia di rigenerazione per il territorio del Friuli Venezia Giulia, con attenzione agli strumenti e alle forme del progetto urbanistico alle diverse scale. È membro del Consiglio direttivo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), sezione Friuli Venezia Giulia, del Comitato scientifico di Urbanpromo e del Comitato scientifico della rivista “Urbanistica”.
  • La città partecipata. Il coinvolgimento della comunità alla base della pianificazione
    Giovedì 4 aprile 2024, ore 15.30-17.30
    Il processo di rigenerazione urbana non può prescindere da una visione futura per la città, modellata con il coinvolgimento della comunità. Il processo partecipativo diventa motore di una una pianificazione a lungo termine attraverso scenari e piani strategici che considerino gli sviluppi futuri e adottino approcci sostenibili nel tempo. L’incontro volge lo sguardo a un futuro sostenibile e partecipato con prospettive innovative che trasformeranno le nostre città.
    Elena Biason, ingegnere civile, in dialogo con Roberto Corbia, esperto di rigenerazione urbana, pianificazione territoriale, progettazione urbanistica e del paesaggio. Nel 2014 entra a far parte del Gruppo G124, il gruppo di lavoro istituito dal senatore architetto Renzo Piano per studiare e sviluppare progetti di rigenerazione urbana nelle periferie Italiane. Dal 2019 lavora per la Fondazione Innovazione Urbana Rusconi, Villa Ghigi a Bologna, dove è coordinatore dell'area "trasformazioni dello spazio urbano".

Costo

Incontri ad ingresso gratuito co-organizzati e accreditati dall’ordine degli architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Pordenone (riconoscimento di 2 cfp a incontro, a fronte della presenza del 100% e previa iscrizione all'evento nel portale servizi del cnappc).

ultima modifica 2024-03-14T11:14:48+02:00
Valuta sito

Valuta questo sito