Sui tempi del nuovo Piano regolatore

2 ottobre 2012Come procede

Martina ToffoloIl consigliere comunale Francesco Giannelli auspicava - sul Messaggero Veneto del 30 settembre scorso - un taglio drastico ai tempi di approvazione del nuovo Piano regolatore. «Non è pensabile», ha dichiarato Giannelli, «che un'amministrazione comunale, sovrana del suo territorio, debba spendere oltre tre anni per darsi un progetto semplice, preciso e di univoca interpretazione destinata a regolare la crescita e la trasformazione del proprio territorio». In particolare, Giannelli propone un accordo tra le forze politiche e gli altri entri per portare i tempi dai 43 mesi da lui stimati a 17 soltanto.

Cogliamo lo spunto offerto dalle osservazioni del consigliere Giannelli per mettere in evidenza a tutti cittadini che la procedura di Piano regolatore che è stata definita in sede di bando (pubblicato a fine luglio) prevede i seguenti tempi:

  • luglio 2012, abbiamo pubblicato il bando per la redazione tecnica del Piano, la cui scadenza è ora fissata per il 15 ottobre prossimo
  • dicembre 2012, la commissione valutatrice termina la selezione delle offerte e sceglie i professionisti a cui sarà affidata la realizzazione del Piano
  • gennaio 2013, viene assegnato l'incarico e comincia il lavoro di analisi, basato sugli esiti del percorso partecipato con i cittadini e sullo studio socio-economico del territorio (assegnato nel giugno 2012 e in completamento entro dicembre 2012)
  • maggio 2013, l'elaborazione del Piano entra nel vivo, accompagnata da una serie di incontri pubblici di aggiornamento e di confronto con la cittadinanza e con i portatori di interessi
  • dicembre 2013, terminata la fase di consultazione sulla bozza del Piano, si procede all'adozione in Consiglio comunale
  • gennaio 2014, il Piano Regolatore Generale viene inviato alla Regione (che ha 90 giorni per esprimere il suo parere vincolante) e contestualmente viene aperto alle osservazioni e alle opposizioni dei cittadini (entro 30 giorni lavorativi)
  • metà 2014, il piano torna in Consiglio comunale per l'approvazione.

Fanno circa 16 mesi da oggi, 19 dall'inizio dei lavori. Noi ci crediamo: l'amministrazione comunale sta lavorando duro da diversi mesi e ha rispettato finora tutte le scadenze che si era posta. Ve ne stiamo rendendo conto giorno per giorno su questo spazio e sui media. Con la collaborazione e soprattutto con la partecipazione attiva di tutti, siamo convinti che raggiungeremo un risultato prezioso per tutta la comunità.


Martina Toffolo
Assessore all'urbanistica

Laboratorio Sostenibilità, i gruppi al lavoro

29 settembre 2012Come procede

La sessione plenaria
I partecipanti in sessione plenaria

Il gruppo acqua e fiume
Gruppo acqua, fiume, verde e reti ecologiche

Gruppo area vasta
Gruppo area vasta e connessioni

Gruppo cultura e bene comune
Gruppo cultura del bene comune

Gruppo centro storico
Gruppo centro storico

Gruppo inquinamento
Gruppo inquinamento

Gruppo pianificazione urbana
Gruppo rigenerazione urbana

Le relazioni finali
Le relazioni finali

La sintesi di Enrico Finzi
La sintesi di Enrico Finzi

La parola ai cittadini

28 settembre 2012Come procede

Simposio, la sintesi di Enrico Finzi

24 settembre 2012Come procede

Enrico Finzi seguirà da vicino l'intero percorso di Pordenone più facile, offrendo il suo contrappunto sociologico ai contenuti che emergeranno durante i principali incontri del progetto. Nel video, il suo intervento di sintesi al termine degli interventi della mattina al simposio inaugurale di Palazzo Badini (15 settembre 2012)

Esperienze: Veneto, Genova, Milano

24 settembre 2012Come procede

Gianluigi Cogo, responsabile web community Regione Veneto (slide)
Simposio inaugurale, Palazzo Badini, 15 settembre 2012

Gloria Piaggio, dirigente progetti europei del Comune di Genova
Simposio inaugurale, Palazzo Badini, 15 settembre 2012

Valentino Sevino, dirigente pianificazione e mobilità Agenzia Mobilità Ambiente Territorio (Comune di Milano)
Simposio inaugurale, Palazzo Badini, 15 settembre 2012

Che cosa raccontano i dati

21 settembre 2012Come procede

L'intervento di Elisabetta Tola al simposio inaugurale (Palazzo Badini, 15 settembre 2012).

Governare la società dei dati

21 settembre 2012Come procede

L'intervento di Alberto Cottica al simposio inaugurale (Palazzo Badini, 15 settembre 2012).

  • Le politiche pubbliche non funzionano più, a tutti i livelli. Il tasso di complessità del mondo è aumentato al punto che le strutture amministrative non riescono più a reggere. Più gli uomini sono potenti e più si dichiarano impotenti.
  • Alcune persone propongono di risolvere lo stallo utilizzando la collaborazione di larga scala tra cittadini e istituzioni. I cittadini contengono riserve straordinarie di competenze, di informazioni granulari sul territorio e passione civica e trasformativa.
  • Il web sociale è costruito per la collaborazione di massa, abbassa i costi della partecipazione e premia i contributi migliori con visibilità e prestigio. Incentiva la partecipazione sui temi su cui siamo più preparati o appassionati.
  • Se fosse possibile portare il modello di collaborazione di Wikipedia all'azione di governo potremmo rendere le politiche pubbliche molto più efficaci, l'azione stessa più trasparente e la democrazia più forte. È quello che chiamiamo governo aperto, o wikicrazia.
  • Quando svolgete un'attività attraverso una piattaforma digitale avete il monitoraggio di ciò che fate praticamente gratis. Questo ha generato un diluvio di dati a basso costo. Da qui una nuova centralità del dato nella nostra società e la ricerca di nuovi utilizzi.
  • La stessa idea - monitorare quello che stiamo facendo e riutilizzare i dati che produciamo facendolo per nuovi usi - è al cuore del modello della smart city.
  • Della società dei dati facciamo già parte tutti. Aziende di grande successo ci offrono servizi di grande utilità, che utilizziamo praticamente gratis. In cambio del loro servizio, noi cediamo a Google, Facebook, Twitter, Gmail, Flickr la proprietà dei dati che generiamo usandoli.
  • Le preoccupazioni sulla privacy non rallenteranno nemeno l'avanzare la società dei dati. Non il se, ma il come. Chi tiene i dati: il comune che ho eletto o un'azienda americana con sede nella Silicon Valley? Chi ha giurisdizione sulle informazioni?
  • È in arrivo un cambiamento profondo, non siamo particolarmente preparati per viverlo. Possiamo cavalcare l'onda, perché ci porti verso la società che vogliamo costruire.
  • Le grandi quantità di dati permettono all'umanità di fare cose nuove e di fare cose vecchie in modo nuovo. Credo che permettano anche alle amministrazioni di collaborare con i cittadini in modo nuovo, abbandonando l'idea di piano a lungo termine e rivalutando l'idea di monitoraggio e di reazione rapida.
  • La proposta che vengo a farvi è di combinare la wikicrazia con la società dei dati per ottenere un ibrido che abbia l'apertura della prima, ma il rigore quantitativo della seconda. Oggi le istituzioni pubbliche non hanno questa capacità e non credo l'avranno mai.
  • Possiamo fare subito due cose: prevedere dati aperti sempre e dotare il settore pubblico di piattaforme di interazione online che consentano ai decisori pubblici di collaborare con i cittadini e imparare a farlo sempre meglio.
  • Considerate se davvero volete utilizzare Facebook per dialogare sul nuovo Piano regolatore, lasciando il controllo dei dati ad altri. Loro diventano più bravi a vendere e voi non diventate più bravi a collaborare.
  • La smart city è inevitabile. La smart city non è un fatto tecnologico. Noi possiamo fare molto, accettando piccoli sacrifici per fare in modo che l'istituzione cresca nell'interazione con i cittadini.

Frigoriferi intelligenti e uomini affamati

21 settembre 2012Come procede

L'intervento di Michele Vianello al simposio inaugurale (Palazzo Badini, 15 settembre 2012).

  • In questa fase tumultuosa, il termine smart tende a essere identificato con le macchine. Non è sufficiente.
  • Quattro innovazioni che ci costringono a cambiare oppure a morire: il massiccio uso dei social network, la straordinaria diffusione di dispositivi mobili, la mole di dati disponibili in modalità cloud computing, i miliardi di oggetti dotati di un'identità di rete.
  • Per far funzionare queste innovazioni servono le persone. Abbiamo bisogno di costruire un rapporto non culturalmente subalterno tra la diffusione delle tecnologie e le persone. Dobbiamo ricostruire la soggettività del genere umano.
  • Gli oggetti non sono intelligenti, sono le persone a farne un uso intelligente. L'uomo è al centro, ma i suoi sensi non sono in grado di cogliere la complessità: le macchine sono le sue estensioni.
  • La città intelligente non è un obiettivo. Città intelligenti ce ne sono state tante nella storia, che poi hanno incontrato catastrofi, cambiamenti, declino. L'intelligenza è un percorso continuo di iniziative, di innovazioni, di capacità di muoversi.
  • Voi qui state iniziando un percorso, in cui lo scenario può cambiare molto in fretta. Dovremmo cominciare a pensare a forme di organizzazione della città che tengano conto della velocità dell'innovazione nell'epoca moderna.
  • L'innovazione è frutto di disobbedienza, non esiste innovazione che tenga le cose così come sono, altrimenti è semplice digitalizzazione dell'esistente.
  • L'organizzazione del tempo in una città intelligente è decontestualizzata: se ho conoscenza sempre e dappertutto (cloud computing), se posso connettermi sempre e ovunque (dispositivi mobili), non ho più la necessità di lavorare secondo orari rigidi in un determinato luogo. Conta l'obiettivo, non come e dove viene raggiunto.
  • Ripensate l'organizzazione della città. Fatevi una rete di coworking: i coworker generano conoscenza orizzontale, rompono gli schemi verticali del tradizionale modo di lavorare, condividono conoscenza.
  • Non siamo più solo consumatori di contenuti, siamo dei prosumer (producer-consumer), produciamo conoscenza. Possiamo decidere come mettere a disposizione della collettività questa conoscenza, attraverso quali piattaforme di crowdsourcing.
  • L'intelligenza nell'epoca del web è la condivisione della conoscenza.

La smart city è una piattaforma

20 settembre 2012Come procede

L'intervento di Luca De Biase al simposio inaugurale (Palazzo Badini, 15 settembre 2012).

  • Non è detto che "più intelligente" sia "più facile". L'intelligenza non è un criterio oggettivo. Il "più facile", il "più intelligente" è sempre relativo al punto di partenza.
  • Trovo il piano che è stato deciso per questa città adatto alla complessità che va affrontata: ci mettiamo in discussione, cerchiamo di capire chi siamo e poi progettiamo.
  • Quando mi dite che volete rendere Pordenone "più facile", io che vivo a Milano penso che abbiate un poco di paranoia. È già facile.
  • Forse lo scopo è capire dove siamo davvero nel mondo globalizzato, complesso, che ci lancia messaggi costantemente ansiogeni, tali da spaesare la nostra visione di prospettiva.
  • Cerco di capire se c'è una relazione tra la mia città, il modo in cui è organizzata, il modo in cui è progettata, il modo in cui racconta se stessa e la mia prospettiva di vita, quella dei miei figli.
  • Noi modelliamo, e ciò che abbiamo modellato ci modella. Costruiamo qualcosa che durerà nel bene e nel male, nell'utile e nell'inutile, nel conflitto e nel coordinamento.
  • La progettazione si deve indirizzare alla lunga durata: è la società umana che si adatta al cambiamento e si prepara alla vita nel lungo tempo, per i nostri figli e per i loro figli.
  • Ogni paese, città, luogo, nodo del mondo è connesso: quello che succede a Pechino ci interessa, quello che succede a Milano ci interessa, quello che abbiamo fatto nei cinquant'anni di sviluppo precedente pesa sulla progettazione futura, il modo con il quale affrontiamo questa complessità definisce il risultato.
  • Affrontiamo la complessità coordinandoci, i modi in cui ci coordiniamo influiscono sulle scelte e sui risultati complessivi. La città è un modo di coordinamento. La città è una rete di persone connesse attraverso infrastrutture, che si è arricchita di una dimensione più astratta che è internet.
  • La dimensione di rete è un'ulteriore possibilità progettuale e un ulteriore incentivo alla complessità, perché le connessioni e le possibilità di agire si sono moltiplicate.
  • La città immaginata come rete ci induce a pensare che la progettazione della città assomigli a quello che si fa su internet. La cultura internettiana sta diventando un elemento dinamico della cultura complessiva e proponendo opzioni nuove.
  • Progettare una città come se fosse una rete significa progettarne le capacità di connessione, di collaborazione, di memorizzazione dei dati. La soluzione si chiama piattaforma, un sottoinsieme della rete progettato per gestire le relazioni con uno scopo.
  • Facebook è una piattaforma. Tutti si connettono, fanno cose informaticamente complicatissime, ma le sanno fare perché una metafora - in questo caso la metafora dell'amicizia - spiega loro come si fa. Il suo valore è la nostra capacità di usarla.
  • È probabile che per progettare una città facile da usare ci si debba dotare di uno strumentario culturale e concettuale simile a quello che serve per progettare una piattaforma su internet, che sia facile e densa di valore.
  • Le caratteristiche fondamentali per una piattaforma che funziona sono l'interoperabilità (ovvero la capacità di connettersi con altre piattaforme), la neutralità rispetto alle azioni individuali, la disponibilità dei dati in formati aperti, la capacità di integrare i dati mancanti, la protezione della capacità creativa individuale dalla forza del collettivo, la semplicità della metafora.
  • Le caratteristiche di una piattaforma che funziona credo siano anche le caratteristiche di una città che funziona.

Com'è nato il social trailer

19 settembre 2012Come procede

L'intervento di Monia Guarino, responsabile dei processi partecipativi di Pordenone più facile, al simposio inaugurale (Palazzo Badini, 15 settembre 2012).

  • 102 persone hanno preso posizione con un messaggio, per mettersi in discussione.
  • Pordenone al momento è complessa: viene descritta con tutto e il contrario di tutto.
  • L'idea della sedia ce l'hanno data alcuni anziani durante le piazzate nel territorio. Chiedevano di accomodarsi, perché avevano diverse cose da dire.
  • Palazzo Badini ospiterà diversi appuntamenti aperti alla città, alcuni più strutturati in presenza di esperti e accademici (come oggi), altri riservati agli "esperti di quotidianità", ovvero ai cittadini.
  • Questo trailer non è il prodotto finale, è il punto di partenza: lanciamo un interrogativo a una città complessa che vuole diventare più facile.
  • Il trailer anticipa un film: è il film del Piano regolatore, che costruiremo insieme e che presenteremo alla fine del 2013, per dare voce alla città e provare a raccontare uno strumento così complesso.
  • La sfida è che sia il cittadino a tradurre con un linguaggio quotidiano temi complessi della quotidianità di questa città.
  • Dopo "Pordenone è...", a dicembre ci sarà "Pordenone sarà...", per analizzare la prospettiva: come trasformeremo l'oggi per andare verso il domani?

Le tappe verso il Piano Regolatore

19 settembre 2012Come procede

L'intervento dell'assessore all'urbanistica Martina Toffolo al simposio inaugurale di Pordenone più facile (15 settembre 2012, Palazzo Badini).

  • Abbiamo deciso di cominciare con un percorso di ascolto.
  • Ci siamo concentrati sulla smart city per mettere a fuoco quali siano le azioni che consentono a una città di diventare più facile.
  • Due azioni: costruire con i cittadini l'immagine della Pordenone di oggi e di domani e capire come rendere più facile la nostra città.
  • I risultati di questo percorso diventeranno la dote che consegneremo ai vincitori del bando per la redazione del nuovo Piano Regolatore, che è stato pubblicato a fine luglio e i cui termini scadono a fine ottobre.
  • Siamo noi come comunità che consegneremo ai tecnici le nostre aspettative.
  • Parallelamente è in corso lo studio socio-economico del territorio, che abbiamo affidato a professionisti svincolati dal percorso di Piano regolatore canonico, perché diventi patrimonio della città e per identitificare le azioni di sviluppo della città.
  • Ci sembrava indispensabile che tutto questo avvenisse in modo condiviso con tutti i cittadini. Per questo l'amministrazione ha deciso di gestire questo percorso, senza delegarlo, perché deve appartenere alla comunità.
  • Prima fase, provocatoria: le piazzate. Incaricati del Comune si sono insinuati in modo spontaneo nel territorio, nelle zone più problematiche, per chiedere ai cittadini che cosa siamo.
  • Ora ascoltiamo chi ha già avviato questi percorsi di facilitazione, per farci provocare dalle loro esperienze.
  • La sintesi arriverà quando avremo scandagliato e approfondito questi temi: non vogliamo proporre oggi un'idea o un'immagine della città, ma costruirla insieme.
  • Tutto ciò che succederà sarà disponibile anche su internet, per garantire la massima partecipazione possibile.

Perché diventeremo una città smart

19 settembre 2012Come procede

L'intervento di Claudio Pedrotti, sindaco di Pordenone, al simposio inaugurale di Pordenone più facile (15 settembre 2012, Palazzo Badini).

  • Il Piano regolatore deve essere preceduto da una riflessione sull'identità di Pordenone e della sua comunità.
  • Le smart city sono come il sesso per gli adolescenti: ne parlano tantissimo, ma non lo conoscono. Servono esempi concreti.
  • Dobbiamo ricollocare le nostre capacità consolidate in un contesto completamente diverso, perché non perdano valore. Per riuscirci dobbiamo fare salto gigantesco di semplificazione della nostra vita quotidiana.
  • Dobbiamo capire quali sono le giuste funzionalità in questa tecnologia, usando soprattutto la testa.
  • Uno dei temi chiave è come coinvolgere in questo processo i giovani.
  • Semplificare significa creare disequilibri, perché si toccano meccanismi consolidati e apparentemente immutabili.
  • Questo processo ci metterà a nudo, perché tutti dovremo mettere in discussione le nostre abitudini e probabilmente rinunciare a qualcosa.
  • Mi auguro che da questo percorso a ognuno venga il contributo indispensabile per affrontare in modo adeguato la crisi e venirne fuori.

A proposito del trailer

18 settembre 2012Come procede
A proposito del trailer

Dopo la presentazione del social trailer al simposio inaugurale di sabato 15 settembre, sono emerse alcune curiosità e alcuni dubbi sulla selezione dei cartelli proposti dai cittadini durante l'iniziativa organizzata in piazza Cavour il 6 settembre scorso. Per chiarezza, riportiamo tutti i dati disponibili.

  • Nel video compaiono 80 delle 102 persone che hanno partecipato alle riprese.
  • Per quanto riguarda le ulteriori 22 persone: 19 hanno proposto parole e concetti già rappresentati da altre (e non compaiono pertanto nel video per garantire snellezza al prodotto oppure perché sullo sfondo erano presenti minorenni chiaramente riconoscibili), 2 non hanno voluto lasciare il nome per la necessaria liberatoria, 1 è minorenne e non è stato possibile far firmare la liberatoria ai genitori.
  • Concetti assimilabili come positivi: particolare (2 persone in totale, 1 rappresentata nel video), storica (4, 3), bella (5, 1), da visitare (3, 2), pulita (2, 1), seria (1, 1), simpatica (2, 1), simpaticamente vivibile (1, 1), mia (3, 2), casa o casa mia (4, 1), nostra (1, 1), piacevole (1, 1), tranquilla (1, 1), bellissima (3, 2), perfetta (1, 1), città perfetta (1, 1), meravigliosa (2, 1), accogliente (1, 1), vivibile (2, 1), creativa (2, 1), dinamica (1, 1), rendez-vous (4, 4), incontro (3, 3), condivisione (2, 1), la casa... per il momento (2, 1), giovane (2, 1), LA città (1, 1), paese (1, 1), lavoro (1, 1), famiglia (1, 1), comoda (2, 2), emozionale (1, 1), colore e musica (3, 3), unica (1, 1), gustosa (1, 1), una città utile ma comune (1, 0).
  • Concetti assimilabili come negativi: diversa da quella che sembra (1, 1), chiusa (1, 1), vulnerabile (1, 1), in cerca di una sua identità (2, 1), frenata (1, 1), piccola (1, 1), difficile (1, 1), solo per i giovani (1, 1), straniera (3, 3), monotona (1, 1), lontana (1, 1), silenziosa... anche troppo (1, 1), fuori da lì (1, 1), cambiata e vuota (4, 4), SUPERficiale (1, 1), cambiata (1, 1), troppo cemento bastaaa! (1, 1), NO ai permessi! libertà di stare dove si vuole (1, 1), non ho lavoro (1, 1), non abbiamo soldi (1, 1), non si affitta agli africani (1, 1), Policy in Italy is non good (1, 0), non ho il permesso di stare qui (1, 0).
  • Concetti che non rientrano nelle categorie precedenti: manca “una collina in centro” (1, 1), verde? (1, 1), cono o coppetta? (1, 1).
  • La persona citata in più occasioni per aver contestato la presenza di immigrati tra le comparse non è presente nel video perché non ha accettato di farsi riprendere.

Cittadini al lavoro

16 settembre 2012Come procede

120915simposio1.jpg

120915simposio2.jpg

120915simposio3.jpg

120915simposio4.jpg

120915simposio5.jpg

Fotografie di Elisa Cozzarini

Com'è andato il simposio inaugurale

15 settembre 2012Come procede
Com'è andato il simposio inaugurale

Con il simposio inaugurale di oggi è iniziato ufficialmente il percorso partecipato verso il nuovo Piano regolatore di Pordenone. Buona l'accoglienza dei pordenonesi, che hanno riempito in fretta le due sale attrezzate per l'occasione a Palazzo Badini: almeno 150 persone hanno seguito i lavori della mattina dedicati a visioni ed esperienze intorno alla smart city, mentre oltre 50 cittadini hanno animato i laboratori civici del pomeriggio.

Il simposio è stato aperto dal sindaco di Pordenone Claudio Pedrotti, che nel suo intervento ha descritto il modello della smart city come un'occasione «per fare un salto gigantesco nella gestione della complessità». Di fronte a una crisi che ci costringerà in ogni caso a mettere in discussione le nostre abitudini e a difendere i nostri valori, ha detto Pedrotti, «serve la tecnologia, ma serve soprattutto la testa». L'assessore all'urbanistica Martina Toffolo ha poi riaffermato la volontà dell'amministrazione comunale di giungere al nuovo Piano Regolatore Generale attraverso un percorso di ascolto e condivisione, che garantisca un ampio coinvolgimento della città.

È stato quindi presentato il social trailer girato nei giorni scorsi in piazza Cavour con la partecipazione dei cittadini, cento sguardi sulla città da cui partire idealmente per invitare tutti a metterla in discussione.

Quattro gli esperti chiamati a dare sostanza al modello della smart city. Per il giornalista Luca De Biase la smart city è una piattaforma in grado di liberare l'energia creativa dei cittadini (leggi la traccia del suo intervento). «È la società umana che si adatta al cambiamento. Stiamo costruendo qualcosa che avrà una lunga durata, nel bene o nel male», ha detto De Biase. Quando a rendere la città «più facile», ha ironizzato, «a me, che vengo da una città come Milano e vivo al confine tra due quartieri etnici, viene da pensare che siate un po' paranoici».

«Una città non è smart perché usa la tecnologia, ma per come usa la tecnologia. La smart city è un percorso, non una destinazione finale», ha sottolineato Michele Vianello (vedi le slide), direttore del Vega-Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia, che si è soffermato su come il cloud computing, l'internet delle cose, il coworking cambiano i tempi e gli spazi delle nostre comunità.

Alberto Cottica, ricercatore e sperimentatore di politiche pubbliche partecipative al Consiglio d'Europa, ha condiviso la sua visione sull'azione di governo ai tempi della rete, enfatizzando le opportunità che internet offre per rinsaldare il rapporto con i cittadini, ma anche le implicazioni in fatto di privacy e di gestione dei dati che i social network più popolari pongono alle pubbliche amministrazioni.

Infine la giornalista Elisabetta Tola ha portato diverse esperienze internazionali data journalism (vedi le slide), ovvero la specializzazione del giornalismo che, scavando nei repertori di dati e mettendo in relazione tra loro le informazioni, riesce a ricavare punti di vista inconsueti e approfonditi sulla realtà.

Sono quindi stati presentati tre casi studio di territori che hanno intrapreso percorsi verso la smart city. Gianluigi Cogo ha condiviso le riflessioni in corso alla Regione Veneto e gli investimenti in connettività, cloud computing e cultura digitale promossi finora (vedi le slide). Gloria Piaggio ha portato l'esperienza del Comune di Genova, dove la smart city viene progettata e costruita da un'associazione che riunisce i principali portatori di interesse del territorio e alcune aziende private. Infine Valentino Savino ha approfondito le soluzioni per la gestione smart della mobilità che il Comune di Milano demanda a un'agenzia controllata.

Al simposio era presente anche Enrico Finzi, che accompagnerà Pordenone per l'intero percorso di Pordenone più facile, fornendo chiavi di lettura sociologiche e spunti di riflessione. Nel tratteggiare una sintesi della mattina, Finzi si è soffermato sulla smart city come possibile stimolo alla rinascita di una cultura del conflitto, perché favorisce il confronto e la negoziazione tra punti di vista diversi.

Nel pomeriggio i partecipanti sono stati divisi in cinque gruppi e, sotto la guida di un facilitatore, si sono confrontati sulla declinazione locale del modello della città smart, dove la parola smart è stata svolta come acronimo in sostenibile, mobile, accogliente, resiliente, trasparente. Al termine dei lavori ogni gruppo ha illustrato la propria sintesi in assemblea plenaria. I contributi raccolti verranno ora analizzati e condivisi in modo aggregato nei prossimi giorni (anche su questo blog). Da questo materiale prenderà avvio il prossimo 29 settembre il ciclo di cinque laboratori partecipati.

Altri spunti e materiali sul simposio

Cento punti di vista sulla città

6 settembre 2012Come procede

Foto di Francesca Codogno
Foto: Francesca Codogno

Oltre 100 persone si sono sedute oggi sulla sedia posizionata per tutto il giorno in piazza Cavour, per fare da comparse al trailer che aprirà ufficialmente Pordenone più facile, il percorso condiviso verso il piano regolatore. Tutti i partecipanti hanno condiviso un concetto per descrivere la città: Pordenone è stata, di volta in volta, bella, complicata, comoda, cambiata, mia, silenziosa (troppo), perfetta, diversa da quella che sembra, per i giovani.

Dall'entusiasta al critico, dal curioso allo scettico, tutti i punti di vista sono stati rappresentati. Non sono mancati momenti di contrasto, anche acceso, quando le osservazioni di un gruppo di cittadini extracomunitari hanno attirato le proteste di un passante.

L'appuntamento è ora per il 15 settembre a Palazzo Badini per il simposio inaugurale di Pordenone più facile, quando il cortometraggio girato oggi con la collaborazione dei cittadini sarà presentato alla città.

Entriamo nel vivo

6 settembre 2012Come procede

Pronti? Via!

4 settembre 2012Come procede

Pordenone più facile, il percorso che l'Amministrazione comunale ha lanciato per condividere con la città l'elaborazione del nuovo Piano Regolatore Generale Comunale e l'avvio di un cantiere progettuale per la smart city, entra nel vivo.

Dopo la presentazione ufficiale dell'11 luglio, nel corso della quale il sindaco Claudio Pedrotti e l'assessore all'urbanistica Martina Toffolo hanno illustrato le attività organizzate nei prossimi mesi, i mesi estivi sono serviti agli incaricati del Comune per incontrare i cittadini in alcuni luoghi caldi della città. Le prime "piazzate", ovvero incursioni urbane in vie e piazze della città per ascoltare il punto di vista dei residenti e costituire piccoli di lavoro, si sono tenute in via Cappuccini, piazza Costantini, piazza Risorgimento e via Prasecco.

Nei prossimi mesi il percorso Pordenone più facile sarà scandito da diversi momenti di confronto creativo con la cittadinanza. Il 15 settembre è in programma il simposio che avvia il percorso: quattro esperti cultori della materia (Luca De Biase, Alberto Cottica, Michele Vianello, Elisabetta Tola) e quattro rappresentanti di casi studio selezionati (Bologna, Torino, Milano, Genova) sono stati invitati a presentare le proprie esperienze di lavoro; il momento del racconto (mattina) sarà seguito da un momento di dibattito (fine mattina) e da un momento di riflessione-confronto con la città (pomeriggio). Il simposio offre l’occasione di intrecciare le riflessioni tecnico-istituzionali con le riflessioni locali-identitarie attraverso l’esplorazione dei diversi punti di vista.

Il percorso Pordenone più facile proseguirà nei mesi a seguire con cinque laboratori di progettazione partecipata (29 settembre, 13 ottobre, 27 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2012) dedicati ad approfondire i temi che per Pordenone sono SMART (Sostenibilità, Mobilità, Accoglienza, Resilienza, Trasparenza).

Parallelamente agli incontri programmati, su questo blog (comune.pordenone.it/pnfacile) e sui social network (Facebook, Twitter, YouTube) stimoli diversi saranno forniti ai cittadini affinché possano condividere le proprie riflessioni attraverso strumenti “altri”, più informali e adatti alla piena espressione del punto di vista di chi abita e vive un territorio: foto e fotonarrazioni così come video e cortometraggi, ma anche passeggiate di quartiere e incursioni urbane, per un “confronto” diretto con il territorio dialogando apertamente “sul” territorio.

contributi di questo primo ciclo di attività - bisogni ed aspettative, visione condivisa e missioni, situazioni e misure prioritarie organizzato in un “testo unico” - saranno utilizzati come indicazioni per la redazione delle direttive del nuovo Piano regolatore Comunale, il cui iter inizierà formalmente nel 2013 e sarà accompagnato da ulteriori incontri pubblici, workshop dedicati al confronto tra politici-tecnici-cittadini, momenti di animazione urbana.

A dicembre 2013 il Piano Regolatore Comunale approderà a teatro con un lungometraggio interattivo realizzato con la comunità e anticipato durante il percorso da due trailer dedicati. La rappresentazione del Piano non può essere infatti solo tecnico-normativa. Questo importante strumento di governo del territorio s’intromette nella quotidianità di una comunità e ne caratterizza la qualità di vita, definisce l’immagine di un territorio e ne orienta il suo sviluppo: la sua espressione dunque deve raccontare i principi, i sogni e le aspirazioni che il cittadino “di oggi” propone all’abitante di “domani”, manifestando con la  forma urbana la cultura della città.

pubblicato il 2012/07/27 12:50:05 GMT+2 ultima modifica 2018-10-24T12:43:29+02:00
Valuta sito

Valuta questo sito