Biblioteca Civica

Mostra "Andar par borghi. Vallenoncello e Villanova"

documenti dall'Archivio storico comunale

Esplorate quest'estate le vie di Rorai, facciamo ora un salto sulla riva sinistra del Noncello. Una passeggiata autunnale fra le carte, che vuole essere d'ispirazione a conoscere questi luoghi a due passi dal Centro.

Quando antiche autonomie comunali cessavano con le soppressioni napoleoniche, Vallenoncello nasceva come Comune. Un ripensamento legislativo del 1810 lo costringe a consegnare il proprio archivio, e con esso la propria autonomia, al Comune di Pordenone. Sarà una parentesi di 5 anni prima di riprendersi carte e poteri fino al 1930.

Nei ruoli della tassazione troviamo i nomi delle famiglie residenti nel 1812. A video scorrono le pagine in cui i Babuin si alternano ai Dirindin e ai Sist.

Il Comune affronta con i suoi scarsi mezzi le esigenze di servizi e strutture: la costruzione di ponti, il concorso per il maestro. Come in tutti i paesi le osterie rappresentano il luogo di ritrovo della popolazione. Fra di esse quella di Elisabetta Marcolin in via Dogana o la rivendita di vino, coloniali e pane di Ida Cigagna in via Villanova.

Nel darvi appuntamento per nuove scoperte presso l'Archivio storico in via Piave 54, vi lasciamo con alcune foto anni 50' e 60' che ci auguriamo possano donare un'emozione a chi vive e ha vissuto a Villanova e Vallenoncello.

Orario

lunedì 14.00-19.00; martedì-sabato 9.00-19.00

Valuta sito

Valuta questo sito