Sezioni

Interventi diversi di sostegno economico di emigranti rimpatriati

Responsabile del procedimento
  • Romano Gemma – Funzionario amministrativo contabile - Posizione organizzativa
    • tel.: 0434392601
Responsabili dell'istruttoria

I contributi di sostegno al rimpatrio consistono in:

a) sovvenzione per l’abbattimento dei costi di trasferimento e delle spese di prima sistemazione:

  • di € 2.500,00 per i nuclei familiari sino a quattro componenti;
  • di € 3.000,00 per i nuclei familiari di cinque o più componenti.

Il contributo è aumentato di € 1.000,00 qualora il richiedente sia privo di reddito nei primi sei mesi dopo il rimpatrio, ovvero si trovi in particolari situazioni di necessità;

b) contributo di € 700,00 per ogni figlio a carico che frequenti istituti scolastici di ogni ordine e grado;

c) contributo di € 1.000,00 per ogni componente del nucleo familiare che frequenti l’Università;

d) contributo di € 800,00 per ogni componente del nucleo familiare che frequenti corsi di formazione o di riqualificazione professionale realizzati dalle istituzioni scolastiche statali e paritarie e dagli enti formalmente accreditati, o corsi di lingua italiana organizzati da istituzioni scolastiche statali e paritarie, enti formalmente accreditati e Università;

e) contributo aggiuntivo di € 1.000,00 qualora il nucleo familiare non disponga in regione di un’abitazione di proprietà o non sia assegnatario di un alloggio ATER.

I contributi di cui ai punti a-e sono cumulabili e sono concessi una sola volta per ogni nucleo familiare.

Soggetti beneficiari: i corregionali emigrati dal Friuli Venezia Giulia o dagli ex territori italiani oggetto degli accordi di Osimo ed i loro familiari e discendenti, che abbiano risieduto stabilmente all’estero per un periodo non inferiore complessivamente a cinque anni.

Qualora più componenti di un nucleo familiare facciano rientro in regione in tempi diversi, ai componenti che rimpatriano successivamente al primo i contributi possono essere concessi solo in caso di costituzione di nuclei familiari distinti una volta rimpatriati.

I contributi possono essere concessi anche a nuclei familiari diversi che convivono temporaneamente dopo il rimpatrio in attesa di definitiva sistemazione abitativa.

Vedi anche:

Contributi per traslazione salme e contributi per il raggiungimento del minimo pensionistico (nel sito della Regione FVG)

Riferimenti normativi

  • Legge regionale 7/2002 "Nuova disciplina degli interventi in materia di corregionali all'estero e rimpatriati"
  • Regolamento per l’attuazione degli interventi regionali in materia di emigrazione previsti dall’articolo 3, commi 1, lettera a, 4 bis e 4 ter della legge regionale 26 febbraio 2002, n. 7 (Nuova disciplina degli interventi regionali in materia di corregionali all’estero e rimpatriati)

Documenti da presentare

L'elenco della documentazione da presentare è disponibile nel sito della Regione FVG

Termini per la presentazione della domanda

Non oltre 2 anni dalla data di rimpatrio

Termini per l'adozione del provvedimento

30 giorni dalla comunicazione di assegnazione del contributo da parte della Regione

Potere sostitutivo

pubblicato il 2013/09/11 13:55:00 GMT+1 ultima modifica 2018-10-24T09:11:41+01:00

Valuta sito

Valuta questo sito