Sezioni

Agenda Urbana

POR FESR 2014-2020

Logo Agenda Urbana

Nell'ambito del Programma Operativo Regionale - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR-FESR) 2014-2020 la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha previsto il coinvolgimento dei Comuni di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine per la gestione e il controllo in qualità di Autorità Urbane delle Azioni finanziate nell’Asse IV - Sviluppo Urbano in coerenza con quanto previsto dal POR FESR 2014-2020. Nell'ambito della nuova programmazione, le quattro città capoluogo individuate quali Autorità urbane (AU), ai sensi dell’art.7 del Reg. (UE) 1301/2013 hanno assunto la delega e ruolo indipendente (dalla struttura comunale) di Organismo intermedio (OI) sulla base di un apposito atto di delega regionale.

Con la Deliberazione della Giunta regionale n. 1954 del 9 ottobre 2015 “POR FESR 2014- 2020: approvazione della struttura del programma e del piano finanziario analitico” è stata approvata l'articolazione di dettaglio della struttura del Programma POR FESR della Regione FVG per il periodo 2014-2020 nonché il Piano finanziario analitico del POR FESR stesso declinato per Attività, strutture regionali attuatrici e Organismi intermedi e in base al quale il Comune di Pordenone nel suo ruolo di Organismo intermedio ha un totale di risorse pubbliche complessivo di € 4.739.989,90 (di cui 4.004.456,00 di finanziamento tra quota comunitaria, nazionale e regionale) sugli assi IV – Sviluppo urbano sull’azione 4.1 SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI E-GOVERNEMENT INTEROPERABILI, INTEGRATI (JOINED-UP SERVICES) E PROGETTATI CON CITTADINI E IMPRESE, APPLICAZIONI DI E-PROCUREMENT E SOLUZIONI INTEGRATE PER LA SMART CITIES AND COMMUNITIES (azione ammontante complessivamente ad € 489.989,8 con quota cofinanziata dal Comune) per € 330.669,00 (quota comunitaria: euro 165.335,00; quota nazionale: euro 115.734,00; quota regionale: euro 49.600,00) e sull’azione 4.3 INTERVENTI DI SVILUPPO URBANO: AGENDA URBANA - INTERVENTI RIQUALIFICAZIONE VIABILITA' QUARTIERE DI TORRE, VIA SAN VALENTINO, VIA PIAVE - REALIZZAZIONE PISTE CICLABILI E ZONE 30 (azione ammontante complessivamente ad € 4.250.000,00 con quota cofinanziata dal Comune)  per € 3.673.787,00  a valere sull’Azione 4.3 derivanti da risorse PAR per un importo pari a euro 1.800.000,00 e da risorse POR FESR 2014-2020 per euro 1.873.787,00 (quota comunitaria: euro 936.893,00; quota nazionale: euro 655.826,00; quota regionale: euro 281.068,00).

Fin dalla fase di scrittura del Programma, è stato impostato un innovativo procedimento di co-progettazione strategica e confronto tecnico tra l’Autorità di Gestione (AdG) e le Autorità urbane, che ha portato all'inserimento nel POR FESR 2014 - 2020 delle progettualità di interesse per il Comune di Pordenone, con un progetto di carattere ambientale finalizzato al miglioramento della qualità della vita e che tra l’altro costituisce prosecuzione con il progetto PISUS “Pordenone in rete”, finalizzato però alla riqualificazione ambientale del quartiere (Torre), quartiere più popoloso della città di Pordenone.

Nella prima fase di avvio delle progettualità (anno 2016) l'Autorità di Gestione chiede alle Autorità urbane l'adempimento e/o la collaborazione sulle seguenti attività propedeutiche:

  • l'adozione della Strategia di sviluppo urbano integrato sostenibile del Comune di Pordenone  di cui alla DGM 43 del 18.03.2016 e relativo allegato);
  • la definizione dei criteri di selezione degli interventi (DGR 2630/2015) per la loro approvazione da parte del Comitato di Sorveglianza tramite procedura scritta;
  • la verifica della sussistenza dei requisiti tecnico-organizzativi minimi da parte degli Organismi intermedi - Autorità urbane  di cui alla DGM 120 del 16.06.2016 e allegata relazione;
  • la sottoscrizione degli ordini di servizio (allegati vari);
  • la messa a punto del modello di Convenzione per la delega delle attività di gestione e controllo relative all’Asse IV, da approvare con deliberazione della Giunta regionale;
  • la stipula delle Convenzioni tra la Struttura Regionale Attuatrice competente (Servizio Sviluppo Economico Locale) e l’Autorità urbana di Pordenone  di cui alla DGM 254/2016 e allegata convenzione sottoscritta.

Il progetto nel suo complesso approvato e finanziato a seguito di istanze di contributo relativo all’invito ASSE IV “ SVILUPPO URBANO”, di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia n. 1288 del 7 luglio 2017 sarà realizzato dal Comune di Pordenone al fine di perseguire alcuni degli obiettivi di sviluppo urbano sostenibile individuati nella Strategia approvata con delibera della Giunta comunale n.43 del 18 marzo 2016. Tali interventi si concretizzano, in particolare modo, nello sviluppo di servizi di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, applicazioni informative sia per l’erogazione di servizi di info-mobilità orientati alla sostenibilità ambientale, sia per la riduzione delle emissioni in atmosfera, così come definiti dall’azione 4.1 e nella realizzazione di interventi volti alla riduzione del traffico automobilistico, sia infrastrutturale (creazione di piste ciclabili protette e riservate) che di regolazione della domanda (creazione di due macro-isole ambientali), come definito dall’azione 4.3 del POR FESR 2014-2020.

Nel documento di sintesi “Strategia di sviluppo urbano sostenibile del Comune di Pordenone”, approvato con delibera della Giunta comunale n.43 del 18 marzo 2016, vengono analizzati aspetti che saranno ripresi di seguito attualizzati rispetto alla conoscenza allo stato dell’arte e alle sopravvenute modifiche/evoluzioni e integrazioni. Nel documento vengono considerate:

  • Analisi del contesto urbano (area urbana, contesto ambientale, contesto socio-demografico, contesto economico e culturale, analisi SWOT);
  • Strategia di sviluppo urbano (strategia e principali obiettivi, il focus della strategia, la vision strategica, sfide e obiettivi);
  • Descrizione delle azioni (azioni e tempistiche di attuazione, Gannt Chart);
  • Le risorse finanziarie per l’attuazione della strategia;
  • Quadro di attuazione (governance della strategia, coinvolgimento della cittadinanza e degli stakeholder, monitoraggio e indicatori, valutazione dei rischi).

Tale documento costituisce il presupposto e la base per dare evidenza della coerenza degli interventi proposti nel presente documento con la strategia di sviluppo urbano sostenibile del Comune di Pordenone, come richiesto, in particolare dall’art. 7 – Criteri specifici di ammissibilità dell’invito e con le azioni strategiche di mandato della amministrazione attuale riprendono parte degli obiettivi di sostenibilità urbana già previsti dando continuità all’azione amministrativa di cui al presente progetto POR FESR 2014 – 2020. Si ricordano, infatti, le seguenti azioni strategiche correlate al progetto:

  • Promozione interventi volti al miglioramento della qualità della vita;
  • Politiche di tutela e valorizzazione ambientale del territorio;
  • Razionalizzazione del sistema viario urbano e quello di grande scorrimento;
  • Miglioramento relazioni con stakeholder per gestione processo di riqualificazione vie e piazze anche con riferimento alla riqualificazione dei quartieri.

L’elaborazione di una strategia urbana per la città di Pordenone ha comportato un importante lavoro di coordinamento intersettoriale e affinamento sul territorio, che ha prodotto una condivisione di obiettivi e azioni tra i diversi strumenti programmatori e pianificatori.

L’individuazione degli interventi integrati intende conciliare le strategie locali con quelle di area vasta, regionali, nazionali ed europee per lo sviluppo economico e sostenibile del territorio nonché con la realizzazione di una città maggiormente “smart”, in termini di sostenibilità degli stili di vita, mobilità delle persone e delle idee, accoglienza delle diversità, resilienza sociale ed economica, trasparenza delle informazioni.

Le diagnosi settoriali del contesto urbano e la conseguente identificazione delle sfide prioritarie, basata su un'analisi demo-spaziale sostenuta da evidenze statistiche, hanno permesso l’integrazione delle sfide settoriali in una prospettiva temporale, atta a realizzare il cambiamento atteso dalla strategia urbana. 

Una migliore qualità della vita e dell’ambiente potrà rendere la città economicamente competitiva, accogliente e sicura, volendo altresì creare un futuro maggiormente sostenibile per i suoi abitanti.

In particolare, attraverso l’integrazione delle politiche si vogliono governare i processi di inclusione e sviluppare relazioni e legami sociali anche attraverso lo sport, la rete di welfare, le politiche territoriali e la gestione dell’ambiente urbano. La vision futura si articola in interventi, strategie, scenari per coniugare e proiettare nel tempo memoria e innovazione, che possano assicurare una vita accettabile alle generazioni future, attraverso una gestione sostenibile delle risorse energetiche, della mobilità urbana, dei rifiuti e delle risorse idriche. Sul fronte economico, Pordenone ha la necessità di inventare modelli per rendersi competitiva e di dimostrarsi capace di attirare nuove imprese e risorse finanziarie, favorendo l’innovazione e creando un clima culturale per consentirne il radicamento. 

La sfida che il Comune di Pordenone intende affrontare mira a rendere migliore la qualità della vita per garantire alle nuove generazioni un futuro sostenibile, rendendole partecipi delle azioni messe in campo, – con specifico riferimento al presente progetto - incentivando la mobilità ciclabile, anche mediante l’ottimizzazione dei percorsi esistenti, la realizzazione di nuovi tracciati in sicurezza e nelle aree di maggior pregio ambientale.

In secondo luogo, l’Amministrazione intende favorire l’insediamento di attività nel proprio territorio attraverso la realizzazione del Wi-Fi e la diffusione delle informazioni attraverso ICT. 

Gli interventi proposti con la progettazione si collocano, pertanto, all’interno della strategia di sviluppo urbano sostenibile del Comune di Pordenone in particolar modo per quanto riguarda l’obiettivo 1 e l’obiettivo 7 ovvero incentivare la mobilità ciclabile e sviluppare la rete a banda larga e il Wi-Fi cittadino.

Con gli interventi proposti il Comune di Pordenone intende contribuire a:

  1. risolvere un problema d’inquinamento atmosferico tenuto conto che il livello di PM10 supera frequentemente il limite massimo giornaliero di 50 µg/m3 previsto dalla direttiva 2008/50/CE anche a causa della mobilità cittadina non sostenibile e congestionata;
  2. razionalizzare la mobilità urbana ed intervenire nell’area del quartiere di Torre tramite azioni integrate per sostenere la mobilità sostenibile e l’accesso ai dati e informazioni in tempo reale ed utili; la sfida raccolta dal comune si affronta con maggiore efficacia grazie al supporto di strumenti intelligenti per il monitoraggio ambientale che consentono di rafforzare le azioni infrastrutturali di mobilità sostenibile;
  3. sviluppare servizi di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e tale azione si realizza anche collocando reti di centraline, sensori e sistemi di monitoraggio ambientale in corrispondenza dell’area oggetto di intervento infrastrutturale e i cittadini potranno avere la possibilità di conoscere i valori di alcuni parametri ambientali e quindi poter contribuire consapevolmente a un cambiamento delle abitudini;

per poter ottenere concreti risultati orientati ad un miglioramento della qualità della vita.

Alla data del 30.10.2018 sono stati raggiunti gli indicatori di performance framework assegnati e lo stato dell’iter è il seguente:

  • Azione 4.1: realizzati gli interventi previsti di infomobilità e di estensione della rete wi-fi;
  • Azione 4.3: affidato l’incarico di progettazione definitiva ed esecutiva del progetto del percorso ciclo-pedonale e delle zone 30.
Dirigente responsabile dell’Organismo Intermedio indipendente delle funzioni delegate dalla regione: arch. Federica Brazzafolli (tel. 0434392500)
Responsabile dell’unità di gestione: dott. Alessandro Grizzo (tel 0434392271)
Responsabile dell’unità di controllo: dott. Loris Canale (tel 0434392332)

Assessore delegata all’Organismo Intermedio: Guglielmina Cucci
Componente del Comitato di sorveglianza del POR FESR : Assessore Guglielmina Cucci

Non ci sono elementi in questa cartella.

Valuta sito

Valuta questo sito