Sezioni

Ponte di Adamo ed Eva

Descrizione e cenni storici sul ponte sul Noncello a Pordenone

Ponte di Adamo ed EvaIl ponte trae il suo nome dalle due statue, popolarmente chiamate Adamo ed Eva, ma in realtà raffigurazioni di Giove e Giunone, collocate sui pilastri e donate alla città dal luogotenente veneto Antonio Loredan nel 1718 dopo il terzo crollo del ponte.

Un ponte in pietra, atto a collegare la città e il porto alla chiesa della Santissima Trinità, fu costruito nel 1550 a tre arcate e nello stesso periodo fu rettificato il fiume.

Nel 1665, in seguito a una grossa piena del fiume Noncello, il ponte fu gravemente danneggiato fino alle fondamenta.

Nel 1708-1711 il ponte, che minacciava di crollare, necessitava di interventi di restauro ma nel 1712 crolla definitivamente. Venne realizzata una prima ricostruzione da parte di Falomo e Pirona ma nel 1717 si rende necessario un nuovo rifacimento.

Nel 1728 il ponte crollò di nuovo e si cercò di sopperire con uno di legno. Nel 1752 figura ancora un ponte di pietra a un’arcata. Tra il 1761 e il 1763 interviene il famoso ingegnere Bortolo Ferracina che riatta il ponte rifacendolo completamente dalle fondamenta e deviando provvisoriamente il fiume.

Nel 1918, poco prima del ritiro delle truppe germaniche, il ponte venne bombardato e rimase gravemente danneggiato. Venne riedificato in ferro e muratura tra il 1921 e il 1925 su progetto di Augusto Mior, allineato col precedente che sarà interrato e spostato verso la Santissima, e con la parte centrale mobile per consentire il passaggio delle imbarcazioni. Questo particolare accorgimento meccanico venne realizzato in previsione della costruzione di un porto fluviale sul Noncello, che poi però non fu mai realizzato.

A seguito dei danni subiti dalla struttura per l'alluvione del 2002, nel 2004 l'amministrazione comunale di Pordenone avviò lavori di ristrutturazione del ponte. In quel frangente furono restaurate anche le statue, i pilastri a sezione quadrata in pietra d'Istria, le balaustre e la ringhiera metallica.

Gallery Icon VAI ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

pubblicato il 2018/12/19 13:35:00 GMT+2 ultima modifica 2019-08-07T10:45:01+02:00
Valuta sito

Valuta questo sito