Sezioni

Atap e Confidi entrano nel Consorzio universitario

06/03/2017 – Regista dell’operazione il sindaco Ciriani che annuncia l’ingresso di altre imprese nei prossimi mesi
Atap e Confidi entrano nel Consorzio universitario
https://www.comune.pordenone.it/it/comune/comunicazione/comune-informa/notizie/atap-e-confidi-entrano-nel-consorzio-universitario
Atap e Confidi entrano nel Consorzio universitario 768px 576px
Regista dell’operazione il sindaco Ciriani che annuncia l’ingresso di altre imprese nei prossimi mesi
Comune di Pordenone
76px 76px
2018-10-24T12:24:56+02:00

Continua l’operazione rilancio dell’università pordenonese. Dopo l’attivazione del nuovo corso di laurea in Banca e finanza e il sostegno dell’impresa Friulintagli, arrivano altri due rinforzi: l’azienda del trasporto pubblico Atap e il Confidi, il Consorzio che presta garanzie alle aziende che ricorrono al credito bancario. Atap e Confidi, come Friulintagli, entrano nella compagine sociale del Consorzio portando 15 mila euro a testa.

OPERAZIONE RILANCIO
In regia il Comune con in il sindaco Alessandro Ciriani affiancato dal consigliere delegato all’istruzione, Alessandro Basso che, con il presidente del Consorzio universitario, Giuseppe Amadio, e del Confidi, Roberto Cao, hanno dato l’annuncio stamane in conferenza stampa. «Abbiamo aspettato molti anni questa presa di coscienza del territorio sull’importanza della formazione universitaria – ha esordito un soddisfatto Amadio – a questo punto aggiorneremo lo statuto per renderlo più flessibile» all’ingresso di nuovi soci. Positivo per Amadio anche il fatto che le aziende abbiamo chiesto di accompagnare la loro entrata a specifici progetti didattici, come l’attivazione di borse di studio. Il presidente del Consorzio ha ringraziato il Comune sottolineandone «il ruolo propulsivo in queste operazioni. Siamo certi che ci sarà un effetto trascinamento con altri ingressi. Visto che lo Stato non vuole investire nell’università, ben venga il modello anglossassone con il sostegno di fondazioni e privati. E ben venga anche l’ingresso di piccole imprese» con quote anche minori ai 15 mila euro. «Nell’arco di uno o due mesi, ha anticipato Ciriani, daremo ulteriori buone notizie: altre imprese, anche in cordata, sono interessate all’ingresso nel Consorzio. Due di loro mi hanno contattato di loro iniziativa e questo è un buon segnale. Il Consorzio è un incubatore di progetti e risorse per le aziende che devono dunque valorizzarlo. Il mandato di recuperare partner è nato quest’estate proprio perché si sentivano gli scricchiolii di alcuni soci istituzionali» ha aggiunto riferendosi all’uscita della Camera di commercio.

ATAP E BORSE DI STUDIO
Il presidente Atap, Mauro Vagaggini, non è potuto essere presente ma ha rilasciato una dichiarazione. «Siamo felici di condividere un progetto che interessa la parte più importante della nostra utenza, ovvero gli studenti – ha sottolineato -  inoltre, contribuire a favorire la formazione e il successivo approccio col mondo del lavoro dei giovani rispecchia appieno quella funzione sociale che una società a prevalente capitale pubblico come Atap deve sempre tenere in massima considerazione.  A tal proposito, tengo a sottolineare l'istituzione di due borse di studio per finanziare un corso di laurea triennale a due figli di dipendenti di Atap o, comunque, ad altrettanti studenti meritevoli. Saremo altresì ben lieti di ospitare quantomeno per stage formativi non soltanto gli studenti che beneficeranno di tali borse di studio, ma anche coloro che avranno conseguito la laurea in uno dei corsi previsti dal Consorzio che possono avere una sicura attinenza con il mondo del trasporto pubblico. Penso in primis agli ambiti della videosorveglianza, della tracciabilità dei mezzi e delle tecnologie applicate ai trasporti più in generale».

CONFIDI
Durante la conferenza stampa, convocata inizialmente per annunciare solo l’ingresso di Atap, Ciriani ha annunciato anche l’entrata del Confidi, un privato «che rappresenta 4 mila aziende interessate al corso in Banca e finanza» ha rimarcato Ciriani. «L’ingresso del Confidi è una conferma della validità del progetto di Banca e finanza – ha evidenziato Basso - la regia e il merito di queste operazioni vanno ascritte ad Alessandro Ciriani». «Quando abbiamo saputo del corso in Banca e finanza, per noi si è parte una porta. Attivare quel corso significa capire che oggi l’ impresa senza finanza non va da nessuna parte. E’ un’attività formativa che ci interessa e ci riguarda e anche per noi può avere ricadute positive» ha aggiunto riferendosi alla formazione delle figure professionali.

APPELLO ALLA CAMERA DI COMMERCIO
Dal primo gennaio l’ente camerale è ufficialmente uscito dal Consorzio, che registra così 140 mila euro in meno. «I nuovi ingressi serviranno anche per iniziare a compensare queste uscite che non sono di poco conto per il nostro bilancio - ha spiegato Amadio - ma in ogni caso mi auguro il rientro della Camera di commercio». «Auspichiamo ora che grazie a questi nuovi ingressi – ha detto dal canto suo Basso - altri soggetti istituzionali capiscano l’importanza del Consorzio, invogliando al rientro chi ha fatto passi indietro». La quota della ormai ex Provincia, invece, verrà coperta dalla Regione.

Valuta sito

Valuta questo sito