Sezioni

Nuovo Piano sulla Mobilità Sostenibile, Biciplan e Piano operativo di Gestione del Traffico Urbano

28/02/2022 – Adottati dalla Giunta comunale tre piani che intervengono sulla viabilità esistente riducendo il traffico veicolare delle auto private a favore di spostamenti più sostenibili con l’utilizzo di mezzi pubblici, biciclette, percorsi a piedi.
Nuovo Piano sulla Mobilità Sostenibile, Biciplan e Piano operativo di Gestione del Traffico Urbano
https://www.comune.pordenone.it/it/comune/comunicazione/comune-informa/notizie/nuovo-piano-sulla-mobilita-sostenibile-biciplan-e-piano-operativo-di-gestione-del-traffico-urbano
Nuovo Piano sulla Mobilità Sostenibile, Biciplan e Piano operativo di Gestione del Traffico Urbano 768px 525px
Adottati dalla Giunta comunale tre piani che intervengono sulla viabilità esistente riducendo il traffico veicolare delle auto private a favore di spostamenti più sostenibili con l’utilizzo di mezzi pubblici, biciclette, percorsi a piedi.
Comune di Pordenone
76px 76px
2022-03-03T13:10:37+02:00

Questi tre piani, che costituiscono una serie integrata di azioni sinergiche, puntano a riorganizzare la mobilità di persone e merci all’interno del territorio comunale per migliorarne la sicurezza, diminuire il traffico e favorire la mobilità sostenibile mediante azioni che riducano progressivamente l’utilizzo dell’auto privata a favore di una mobilità condivisa (trasporto pubblico locale), della mobilità lenta (a piedi e in bicicletta) e della micromobilità elettrica (biciclette a pedalata assistita, monopattini, privati e in sharing).

Il Piano della Mobilità Sostenibile propone la realizzazione di una serie articolata di infrastrutture per la mobilità in un ampio orizzonte temporale. Si parte dal trasporto pubblico urbano per arrivare alle modifiche strutturali degli incroci esistenti e la costruzione di nuovi tronchi stradali indispensabili, l’introduzione di un nuovo sistema di interscambio tra auto private e mezzi di mobilità sostenibile e una modifica strategica del sistema di mobilità cittadino, anche in relazione ai Comuni contermini.

Il Piano generale del Traffico Urbano è un piano operativo con un orizzonte temporale breve di due/tre anni, finalizzato a fluidificare il traffico, ridurre le criticità nelle intersezioni, dare continuità ai percorsi ciclabili e a piedi, gestire il sistema della sosta e l’interscambio autobus/biciclette, regolamentare le autorizzazioni nell’edilizia privata (accessi carrai, ecc.).

Il Biciplan è un elaborato specifico del Piano della Mobilità Sostenibile che si occupa della creazione di infrastrutture a favore della mobilità in bicicletta e che tiene conto dell’impianto delle Ciclovie di interesse regionali contenute nel piano P.R.E.M.O.C.I. e dello studio effettuato sulla ciclabilità del conurbamento di Pordenone nel Progetto Europeo Melinda. 

Un grande piano strategico e integrato creato sulla base di strumenti pianificatori che mettono in rete e a sistema criticità e soluzioni per rendere più fluido il traffico, diminuire il numero di veicoli sulle strade, abbassare l’incidentalità e migliorare la qualità della vita dei cittadini e l’attrattività della città.

Saranno avviate consultazioni formali con la Seconda Commissione Consiliare, associazioni di categoria, società di trasporti, società partecipate del Comune, tassisti e cittadini, per valutare le loro osservazioni da inserire nei Piani.

Una serie di indicazioni su cui i cittadini potranno intervenire manifestando dubbi o proponendo suggerimenti negli incontri pubblici che verranno organizzati nei quartieri con professionisti e tecnici.

«Rispetto al Piano della Mobilità del 2015 –illustra l’assessore all’Urbanistica del comune di Pordenone Cristina Amirante-, le novità riguardano la revisione complessiva del sistema del trasporto pubblico locale, studiata in base alle necessità della società ATAP SpA, in sinergia con i provvedimenti sulla mobilità urbana previsti nel PUMS e in base alle esigenze delle amministrazioni comunali dei Comuni contermini.

Un innovativo sistema che potenzierà l’interscambio tra auto private e mezzi pubblici, la mobilità dolce, la micromobilità elettrica, la mobilità in sharing, il deposito e ritiro di piccole merci e la “cerniera di mobilità”, un'area attrezzata dove lasciare gratuitamente l'auto, la bici o il monopattino privato per utilizzare mezzi alternativi per entrare nel centro cittadino.

Verrà creata una nuova gerarchia viaria, che ridurrà la circolazione dei mezzi nel cuore del centro cittadino e dei singoli quartieri della città, grazie alla creazione di tre nuovi assi di supporto alla viabilità esistente nel collegamento con A28, Ss 13, Interporto e Zona Industriale di Vallenoncello; nel collegamento tra A 28 e Fiera di Pordenone e con l’introduzione del doppio senso in via Pola e la relativa sopraelevata per realizzare la rigenerazione urbana del Centro Direzionale Galvani e della Stazione FFSS».

Valuta sito

Valuta questo sito