Sezioni

Scuola, dal Comune 40 mila euro per computer e tablet

25/06/2020 – Un aiuto per gli studenti privi di dispositivi
Scuola, dal Comune 40 mila euro per computer e tablet
https://www.comune.pordenone.it/it/comune/comunicazione/comune-informa/notizie/scuola-dal-comune-40-mila-euro-per-computer-e-tablet
Scuola, dal Comune 40 mila euro per computer e tablet 768px 576px
Un aiuto per gli studenti privi di dispositivi
Comune di Pordenone
76px 76px
2020-06-25T09:49:46+02:00

Dal Comune arriva un sostegno informatico per le scuole della città, e in particolare per gli studenti sprovvisti di strumentazioni.

Su decisione del sindaco Alessandro Ciriani sono stati assegnati 40 mila euro - 10 mila per ciascun istituto comprensivo – alle scuole primarie e secondarie di primo grado, che assieme agli istituti d’infanzia rientrano nella sfera di competenza comunale. 

I fondi sono finalizzati all’acquisto di computer e tablet per garantire l’attività didattica sia in presenza sia a distanza (qualora l’organizzazione del prossimo anno scolastico lo richieda) delle famiglie economicamente più fragili. Durante il lockdown, infatti, le scuole hanno concesso in comodato d’uso gratuito a chi ne aveva necessità tutti i computer e tablet in dotazione. Da qui l’esigenza di un potenziamento delle strumentazioni.

«Quando la città era completamente chiusa per covid – spiega il sindaco – ci siamo resi conto della necessità da parte di diverse famiglie di dotarsi dei dispositivi per permettere ai propri figli di seguire le lezioni online.

Questo sostegno da parte del Comune è solo un primo passo. Nel bilancio abbiamo accantonato altre risorse per la scuola in previsione dell’applicazione delle linee guida governative, che ancora non conosciamo. Parte di tale fondo verrà destinato all’implementazione informatica delle scuole.

Inoltre uno dei nostri obiettivi, che progressivamente stiamo realizzando, è dotare ogni scuola di aule 4.0, all’avanguardia. Il futuro deve essere quello di stare in classe, tornare a relazionarsi e socializzare, ma in ogni caso, piaccia o no, si studierà sempre di più con computer e tablet e sempre di meno con penna e quaderno».

Valuta sito

Valuta questo sito