Museo Archeologico del Friuli Occidentale - Castello di Torre

Il mito del combattimento e i suoi cultori

Antiche palestre tradizionali dalla Sardegna all'India, Turchia e Iran. Una mostra fotografica di Roberta Lotto
  • Quando 05/10/2018 al 28/10/2018
  • Dove Museo Archeologico Castello di Torre - Via Vittorio Veneto, 19 - Pordenone
  • Contatto Museo archeologico del Friuli Occidentale - 0434/541433 -
  • Aggiungi l'evento al tuo calendario iCalGoogle Calendar
Con il patrocinio del Comune di Pordenone Con il patrocinio del Comune di Pordenone

Appassionata viaggiatrice e fotografa, Roberta Lotto incontra per la prima volta in una rivista di viaggi degli anni ’80 l’articolo che testimoniava di un luogo in Turchia - Edirne - dove si svolgeva il Torneo di Lotta, Kirkpinar, il più antico evento sportivo tenuto senza interruzioni dal 1346.
La curiosità e l’interesse verso questo evento e i suoi combattenti, la spingeranno molti anni dopo a recarsi in quel luogo per testimoniare e vivere quell’esperienza come un viaggio nel tempo e nella tradizione. La lotta risale all’alba della Civiltà: la rappresentazione più antica è stata trovata in una tomba di Saqqara, in Egitto, datata al 2650 a.c.
Nella ricerca delle radici della lotta, Roberta Lotto incontrerà successivamente la Zurkhaneh - o Casa della Forza - in Iran dove si recherà per continuare a conoscere altri Pahlevani, combattenti, che svolgono i loro allenamenti nelle palestre sotterranee.
Il filo rosso si dipana poi verso l’Italia e precisamente in Sardegna dove giungerà per assistere al Torneo di S’Istrumpa. Sa Strumpa ha origini molto remote e costituisce un pezzo di cultura dell’isola, tramandata di generazione in generazione. Successivamente in India incontrerà i Pehlwan, lottatori che praticano il Kushti. Da più di 2000 anni si combatte sulla nuda terra. Il loro stile di vita è quasi ascetico, concentrandosi completamente su questa dura disciplina.
L’insegnamento della lotta si è sviluppato in tutti i continenti, in forme disparate ma similari. È sport e metodo di combattimento il più antico del mondo, indissolubilmente legato alla natura dell’uomo.

Roberta Lotto
Nata a Padova e da sempre appassionata di fotografia, avvia negli ultimi anni un percorso di indagine nel quale il particolare, da anonimo, diventa protagonista dando corpo all’immagine. Viaggiare costituisce il personale nutrimento intellettuale ed umano: luoghi, volti... dai quali trarre la variazione, la curiosità, la sorpresa. ..l’inaspettato. Tra le collaborazioni con varie Associazioni umanitarie e a carattere sociale, ha  seguito per due manifestazioni come testimone e fotografa l’avventura di Follow the Women, 250 donne in bicicletta attraverso il Medio Oriente.  Come fotografa, si è inoltre unita a gruppi di donne italiane, spagnole, serbe e bosniache in occasione del Ventennale dell’eccidio di Srebrenica.

Con il Gruppo Mignon ha pubblicato il libro “SOGNARE di DONNE” la cui mostra collettiva è stata presentata alla galleria GHIRRI a Caltagirone e a Roma. Alla sua formazione hanno contribuito diversi fotografi noti in ambito locale e nazionale, in modo particolare Roberto Salbitani e Rosa Moncada.

Orario

Venerdì - Sabato 15.00/18.00
Domenica 10.00/12.00 e 15.00/18.00

Allegati

pubblicato il 2018/10/01 14:30:00 GMT+1 ultima modifica 2018-10-25T10:32:43+01:00

Valuta sito

Valuta questo sito