Sezioni

Biblioteca Il libro sulla sindrome di Rett

Incontro giovedì 10 settembre alle 17
  • Data 9 settembre 2020

Incontro in Biblioteca

 

Il libro: IN VIAGGIO VERSO ANEIS. Una fiaba sulla sindrome di Rett

 

Giovedì 10 settembre 2020 alle 17 nella Sala conferenze della Biblioteca civica di

Pordenone verrà presentato il libro In viaggio verso Aneis. Una fiaba sulla sindrome di Rett

(Federighi editori). Ospiti di Daniela Dose ci saranno l’autore Andrea Giuntini, il medico primario Carlo De Felice e in collegamento online, Roberto Innocenti, illustratore italiano di fama internazionale, autore delle tavole del libro, ed Elena Meli, biologa e giornalista.

In questo racconto-verità, preceduto da una favola di Andrea Giuntini, illustrata da Roberto Innocenti, c’è la testimonianza di artisti, genitori e ricercatori, su una malattia devastante che ruba alle bambine la capacità di comunicare, rendendole del tutto dipendenti dagli altri.

Un gruppo di ricercatori scientifici, mentre cerca di capire i misteri della sindrome di Rett,

scopre che l’arte nelle sue varie forme riesce a spezzare l’isolamento delle “bambine dagli

occhi belli” e può arrivare a toccare corde che la scienza fa fatica a comprendere.

Il viaggio è l’elemento che il Roberto Innocenti ha scelto per  la favola di Andrea Giuntini ispirata a questa storia vera e lo ha trasformato in una dozzina di tavole bellissime e poetiche. Il viaggio può corrispondere alla volontà incrollabile di un genitore che cerca la soluzione ai problemi di salute di una figlia o alla curiosità di un ricercatore che vuole capire i meccanismi alla base di una malattia. Infine il nostro viaggio può anche simboleggiare il percorso di chi vorrebbe tentare di capire l’eterno mistero di perché l’arte, attività “apparentemente inutile”, diventi utile o addirittura indispensabile.

 

ANDREA GIUNTINI. Attore, regista e animatore teatrale nelle scuole e in strutture psichiatriche. Ha condotto

dal 2015 al 2018 il laboratorio di autobiografia presso il Carcere di Sollicciano a Firenze. Presta la sua opera

come esperto allestendo laboratori in varie scuole di ogni ordine e grado, partecipando a progetti di scambio

con istituti francesi e spagnoli promossi dalla Comunità Europea. Come attore cinematografico partecipa a

numerosi cortometraggi e film. Autore insieme al dott. De Felice e all’illustratore Roberto Innocenti del libro

sulla sindrome di Rett.

 

CLAUDIO DE FELICE. Pediatra-neonatologo ospedaliero presso Azienda Ospedaliera Universitaria Senese;

dirigente medico 1° livello – vicedirettore U.O.C. Terapia Intensiva Neonatale, Policlinico S.M. alle Scotte,

Siena. Ha al suo attivo un'intensa attività di ricerca a livello internazionale. Autore di 228 articoli scientifici in

riviste internazionali peer-reviewed prevalentemente su tematiche di neonatologia/perinatologia, pediatria/

neuropediatria e biofisica/biochimica clinica. A partire dal 2007 ha rivolto prevalentemente il focus della propria

ricerca sui meccanismi patogenetici della sindrome di Rett e sindromi dello spettro autistico.

 

ROBERTO INNOCENTI. Illustratore di fama internazionale, vincitore nel 2008 del prestigioso Hans Christian

Andersen Award, il maggior premio per l'illustrazione per l'infanzia.

Si forma come autodidatta, dedicandosi fin dagli anni '60 alla grafica (dopo aver lasciato la scuola giovanissimo

per aiutare la sua famiglia lavorando in un'acciaieria) .

Raggiunta la maggiore età  comincia a lavorare nel cinema di animazione per poi dedicarsi prevalentemente alla grafica editoriale e infine all'illustrazione.  Dal 1978 al 1987 collabora con Seymour Reit, Etienne Delessert, per la rivista Time Life.  Tra il 1988 ed il 1996 escono, pubblicati dall'editore americano Creative Editions, alcuni dei suoi capolavori: "Le avventure di Pinocchio" (1991), "Canto di Natale" (1990), "Schiaccianoci" (1996), "L'ultima spiaggia" (2002) e "La storia di Erika" (2003). Nel 2010 esce "Casa del Tempo",  nel 2012 viene pubblicata la sua rivisitazione di un altro classico: "Cappuccetto rosso - Una fiaba moderna". Fra i riconoscimenti ricevuti si ricordano due "Mele d'oro" BB di Bratislava per”Rosa Bianca” e "Canto di Natale" di Dickens; il premio "Gustav Heinemann per la pace" ad Essen per "Rosa Waiss", due premi "Drappo rosso" a Berlino e per “Rosa Waiss” e “Storia di Erika”. Premio "Andersen " Italia per Cenerentola e Pinocchio, ed il "Certificato di eccellenza" dal New York Times per " The last resort".nel 2002. Per “Storia di Erika” (2004) premio “Excellence The Best” della English Association of Illustrators. Premio "Silver Medal" dalla Society of Illustrators di New York, la giuria dei ragazzi a Ginevra, il Totem al "Salon du livre de junesse” di Montreuile, (Parigi), Barcellona premio dei librai Catalani. Importante l’assegnazione del “Premio Hans Cristian Andersen “ Copenaghen nel 2008 “ per l’illustrazione, dalla IBBY un'organizzazione internazionale no profit il cui obiettivo primario è quello di promuovere la letteratura per l'infanzia in tutto il mondo. Nel 2009 gli è stato conferito il titolo accademico “Honoris Causa” dall’Accademia Belle Arti di Macerata col Premio Svoboda per la creatività dell’intera opera.

 

ELENA MELI. Giornalista professionista, collaboratrice fissa di Corriere della Sera. Biologa con un dottorato in farmacologia, dopo aver lavorato come ricercatrice all’Università di Firenze nel campo della terapia dell’ictus cerebrale è passata al giornalismo. Collabora con Corriere della Sera Salute, Io Donna, Sette, Focus e Focus Extra e ha pubblicato alcuni libri fra cui La dieta della salute – Che cosa succede quando si cambia alimentazione (Hoepli 2020) e La dieta anti-diabete (Giunti Demetra 2017). Ha vinto numerosi premi giornalistici per la divulgazione scientifica ed è stata docente di comunicazione giornalistica all’università di Milano, Napoli, Siena e Roma 3.

 

ultima modifica 2020-09-16T13:02:11+01:00
Valuta sito

Valuta questo sito