Sezioni

Consiglio Comunale di lunedi 18 febbraio 19

Delibere Revoca funzioni UTI, variazione di bilancio, varianti urbanistiche
  • Data 19 febbraio 2019

Consiglio Comunale di lunedì 18 febbraio

 

 

     Lunedì sera il Consiglio Comunale di Pordenone ha approvato le cinque delibere iscritte all’ordine del giorno. Su proposta del sindaco Alessandro Ciriani sono state revocate   le funzioni comunali esercitate  attraverso l’istituto dell’UTI. Si tratta dell’adeguamento alla legge regionale che ha introdotto la  facoltatività di gestione delle funzioni precedentemente obbligatorie e la possibilità di revocare la gestione associata di una o più funzioni  comunali esercitate tramite l’UTI per transitare  a forme di collaborazione mediante convenzione. In ogni caso prosegue la collaborazione  per le attività di Sportello unico mentre per le competenze in materia  di pianificazione e regolamentazione delle attività produttive si è ritenuto più efficace che ogni comune riprenda le proprie prerogative. La deliberà è stata approvata con 23 voti a favore, 6 contrari e 8 astenuti.

     Ha ottenuto l’assenso anche la variazione di bilancio presentata dall’assessora Mariacristina Burgnich per consentire di  attivare le procedure al fine di  assumere  un mutuo di 400.000 euro  da contrarre nel 2019 invece che in due anni,  per il potenziamento dei collettori per lo scarico delle acque meteoriche,  poiché  il progetto definitivo/ esecutivo è in fase di ultimazione. Analoga sorte anche per la ratifica delle delibera giuntale relativa alla variazione di bilancio per il finanziamento di spese correnti e di investimento,   sostanzialmente  per diversa allocazione contabile o per eseguire alcuni storni  di fondi necessari a garantire il corretto impegno di spesa.  

     Proposta al Consiglio dall’assessora all’urbanistica Cristina Amirante,  all’unanimità  è stata approvata la variante n.9 al P.R.G.C.   del progetto  definitivo  del PISUS A11    denominato “Vie d’acqua e di terra” relativo alla connessione tra le aree verdi:  nello specifico si tratta del percorso ciclopedonale Parco del Seminario - via Terme Romane -  via Bellasio  su cui non sono state  presentate né opposizione né osservazioni. Si prevede la realizzazione di  circa 1700 metri di percorso ciclopedonale,    suddiviso  in 800 metri in ambito naturalistico con la  realizzazione di una passerella per attraversare il fiume Noncello, 250 metri in sede stradale esistente e 650  mentre in sede m stradale modificata.

      Ed inoltre, illustrato sotto l’aspetto  urbanistico dall’assessore Cristina Amirante e  per quanto riguarda la destinazione d’uso dall’assessore  Eligio Grizzo,  all’unanimità l’Assemblea ha  approvato  il progetto di fattibilità tecnico-economica  per la realizzazione del Centro di aggregazione “Casa delle attività” in via Prata a Vallenoncello. Dei cinque edifici esistenti  tre  verranno  demoliti e sostituiti con un'altra costruzione dove saranno ricavati adeguati locali per ospitare  una biblioteca, due sedi una  per il   vigile di quartiere e l’altra per l’assistente sociale, uno spazio per il Caaf Anagrafe, il  consultorio familiare e una sala polivalente. Gli altri due edifici  saranno  ristrutturati ed uno di questi sarà adibito a casa del custode.   Dopo la fase di progettazione, gli inter burocratici e l’edificazione,  si prevede  che la struttura  sarà ultima  verso la fine del prossimo anno.

     In apertura di seduta  il sindaco  Alessandro Ciriani ha comunicato i componenti designati dal Comune per il CdA dell’ASP “Umberto I° ; Antonino Di Pietro,  Barbara Miglietta, Gianfranca Santarossa e Miria Coan  indicata dalla minoranza.  Inoltre   l’Esecutivo ha dato risposta a  tre interrogazioni. Al Gruppo M5S sull’utilizzo dei diserbanti per lo sfalcio dell’erba sul ciglio delle strade l’assessora Stefania Boltin ha precisato che  l’ufficio competente monitora  costantemente la situazione ambientale e che la Gea  utilizza diserbanti  ecologici   che si dissolvono nell’arco di 3/6 ore.  Al gruppo di F.lli d’Italia l’assessore  Pietro Tropeano ha  ribadito che l’Amministrazione è intervenuta ed interviene nelle sedi opportune  per sostenere l’acquisto  e l’assegnazione al Cro di Aviano del macchinario  per la protonterapia e  per la conferma   delle posizioni dei ricercatori che sono a carico dello Stato.  All’interrogazione sul bando delle politiche giovanili  presentata dal gruppo del Pd, l’assessore Eligio Grizzo ha illustrato il piano di interventi.

 

ultima modifica 2019-02-19T14:34:56+02:00
Valuta sito

Valuta questo sito