Sui giornali del 25 novembre

131125messaggero9.jpg


Alcune precisazioni:

  • La trasformazione dell'area da agricola a residenziale è stata concessa con la variante 53 del 2004 e riconfermata con la variante 70 del 2006. La trasformazione da residenziale a commerciale è stata concessa con la variante 77 del febbraio 2011. Gianni Zanolin, che da assessore ha a suo tempo approvato questi passaggi formali, ha ogni diritto di evolvere oggi la sua visione rispetto alla pianificazione del territorio, tuttavia più di molti altri conosce ed è responsabile del processo storico che ha portato alla situazione odierna.
  • Non solo Zanolin ha diritto di evolvere il suo pensiero sulla pianificazione del territorio, ma siamo pure lieti di dargli un caloroso benvenuto tra noi: le sue conclusioni di oggi sono le premesse da cui tutto il lavoro sul Piano regolatore ha preso le mosse più di un anno fa. Impostare il bando per il Piano regolatore non più sulle dimensioni desiderate, ma sulle effettive capacità del territorio di sostenere la vita e le opere dei suoi abitanti (gli ecosystem services di cui tanto si è parlato durante gli incontri di Pordenone più facile), significa mettere la tutela del suolo al primo posto e ripensare lo sviluppo della città di conseguenza, limitando, fermando o addirittura sottraendo il consumo di suolo.
  • L'amministrazione è garante dei diritti di tutti, da questo principio nasce il rapporto fiduciario tra cittadino e istituzione. Per mettere in discussione i diritti acquisiti sono necessarie basi molto solide, sostanziate da elementi approfonditi e condivisi. Il percorso che l'amministrazione comunale sta conducendo insieme alla città per arrivare al nuovo Piano regolatore ha anche e soprattutto questo scopo: dare sistematicità e profondità di analisi agli argomenti che permetteranno alla nostra comunità di fare scelte, se necessario, anche molto forti rispetto ai pur legittimi diritti individuali.
  • Abbiamo visto proprio in questi giorni - con la bocciatura da parte del Tar del regolamento comunale che vieta gli spettacoli con animali, una norma coraggiosamente voluta proprio da Zanolin - come imporre scelte pur ispirate a sensibilità contemporanee e illuminate possa alla fine causare danni alla collettività, se non sostanziate da elementi certi. L'idea di buon governo di questa amministrazione è innovare nel rispetto della legalità, attraverso scelte consapevoli, condivise e rispettose dei diritti di tutti.
pubblicato il 2013/11/25 17:15:00 GMT+1 ultima modifica 2018-10-24T11:42:51+01:00
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento compilando la form qui sotto. Utilizza testo semplice. Indirizzi web ed email saranno trasformati in collegamenti cliccabili.

Valuta sito

Valuta questo sito