Sezioni

Palazzo Spelladi (Galleria Harry Bertoia)

Descrizione e cenni storici su Palazzo Spelladi a Pordenone, sede della Galleria Harry Bertoia

 

Palazzo Spelladi è inserito in una suggestiva cornice architettonica formata da antichi edifici costruiti a cavallo tra i secoli XIV e XV, come il palazzo del Municipio, palazzo Ricchieri e il Duomo. La parte più antica di questo edificio venne edificata all'inizio del Trecento, anche se oggi rimane ben poco della struttura originaria. Nel corso dei secoli, infatti, a causa di cambi di proprietà, fusioni di più lotti attigui e varie trasformazioni, l’immobile perse le sue caratteristiche originali. Fu abitato dalla stirpe curiale dei Rorario, che vanta tra i suoi discendenti numerosi diplomatici e letterati. Successivamente fu dimora degli Spelladi, una fra le dodici casate più antiche di Pordenone, che lo occuparono fino al 1777. In seguito a una permuta con la famiglia Rossi, gli Spelladi si trasferirono nel Borgo Superiore, nel palazzo che fu poi dei Porcia. Un’area del palazzo, ancora di proprietà privata, presenta internamente interessanti affreschi di scuola veneta databile alla seconda metà del Cinquecento raffiguranti un ciclo profano con scene di paesaggio ed elementi architettonici, scene di caccia con cavalli e fiere, fregi con putti, uno stemma doppio, indicazione dell’alleanza tra le famiglie Maniago e Michiel (o Monticoli). Nel primo dopoguerra il palazzo, che si presentava a un solo piano, venne riunito sotto un’unica proprietà e nel 1939 venne realizzata la sopraelevazione che gli conferì l’aspetto che si vede ancora oggi, assieme a diversi interventi strutturali e modifiche distributive. Negli anni Ottanta il Comune di Pordenone acquistò l’immobile e allestì al suo interno gli uffici dell'anagrafe. Tra il 2008 e il 2014 si diede avvio alla ristrutturazione che trasformò la struttura in spazio espositivo. La galleria d'arte, che oggi ospita mostre temporanee, è stata intitolata al noto designer Harry Bertoia, nato nel 1915 a San Lorenzo d'Arzene, vicino a Pordenone, e morto nel 1978 negli Stati Uniti, dove si trasferì negli anni Trenta per intraprendere una carriera creativa costellata di successi.

ultima modifica 2019-07-09T14:03:22+02:00
Valuta sito

Valuta questo sito